05 maggio 2022

Sicurezza informatica, cosa è bene sapere (e fare). Se ne parla venerdì 6 maggio a Mandello

In mattinata per gli alunni di terza delle scuole medie e in serata alle 20.45 al teatro “San Lorenzo” per la cittadinanza incontro con la scrittrice Sara Magnoli

La scrittrice Sara Magnoli.


Doppio appuntamento con il Festival della letteratura e con la cybersecurity, venerdì 6 maggio a Mandello Lario. Alle 10.15 presso l’Istituto comprensivo “Alessandro Volta” per gli alunni delle classi terze della scuola secondaria di primo grado e alle 20.45 al teatro “San Lorenzo” per genitori (e non soltanto) due libri - “Dark web” e “Fuori dal branco”, entrambi di Sara Magnoli - serviranno da pretesto per accostarsi al delicato problema della sicurezza informatica e delle azioni pensate per difendere sistemi elettronici, reti, server e dispositivi da attacchi di hacker.

E’ risaputo che il web e strumenti quali il pc e lo smartphone hanno cambiato la nostra vita, hanno accorciato le distanze e consentito di fare cose fino a qualche tempo fa ritenute impossibili. Il rovescio della medaglia è l’aver permesso che i nostri dati personali, le nostre informazioni e i nostri documenti siano spesso facilmente a disposizione di malintenzionati che - tra furti di personalità, documenti riservati e dati sensibili - possono mettere in crisi persino la vita reale di ognuno di noi.

Diventa quindi importante conoscere le regole che determinano il corretto utilizzo della rete, i rischi che questo comporta e come potersi proteggere dagli stessi.

Giorgio Missaglia


Il tutto potrebbe sembrare banale finché qualcosa di simile non accade a noi stessi. In quel momento potrebbe però essere troppo tardi informarsi correttamente e agire in maniera altrettanto corretta. Ancora più gravi conseguenze possono derivare dall’utilizzo sconsiderato del web da parte di chi è a maggior rischio, ossia i più giovani.

A parlarne saranno Sara Magnoli e Giorgio Missaglia, fondatore e presidente di “Easy Net”, che attualmente svolge attività di divulgazione proprio nell’ambito della sicurezza informatica, Con loro ci saranno Maria Pia Izzo, titolare dell’azienda Atlan66 specializzata in informatica forense, e Eva Balzarotti, da vent’anni avvocato nel settore informatico.

A condurre l’incontro per gli adulti sarà Paolo Valsecchi, giornalista lecchese tra gli  autori, insieme a Lorenzo Bonini e a Stefano Scaccabarozzi, del libro “Io sono nessuno”, biografia di Piero Nava, primo testimone di giustizia nella storia d’Italia.

Eva Balzarotti


La conduzione dell’incontro del mattino con gli alunni di terza media sarà invece affidata a Simone Buzzella del “PuntoGiovani” di Mandello, conosciuto dai ragazzi  in quanto da anni responsabile del progetto online-offline attraverso il quale viene offerta ai ragazzi della scuola secondaria una riflessione sui rapporti interpersonali tra pari e sulla conoscenza dell’approccio scorretto con i social.

Tema di entrambi gli appuntamenti sarà “L’utilizzo consapevole e responsabile della rete Internet e dei social media”.

Sara Magnoli vive in provincia di Varese. Giornalista, è laureata in lingue e letterature straniere moderne all’Università degli studi di Milano. Con i suoi romanzi per ragazzi e per adulti ha vinto numerosi premi. Ha sempre avuto una passione per la scrittura e per le storie thriller e noir.

A 10 anni ha scritto il suo primo libro giallo, otto quaderni a righe con ben 150 personaggi che ancora possiede. E’ cintura verde di kung fu e, non meno importante, una vera sorcina, innamorata persa di Renato Zero.

Maria Pia Izzo


“Dark web” è un thriller ad alta tensione sul lato oscuro del web, un romanzo avvincente sui pericoli che si annidano in rete dove gli incontri possono diventare trappole e le persone non sono quasi mai ciò che sembrano.

“Fuori dal branco” è invece un romanzo attuale sulla violenza delle baby gang, ragazzi minorenni che si sentono invincibili e che affrontano sfide al limite della legalità. Ancora una volta viene esplorato il mondo adolescenziale, portandone alla luce gli aspetti più cupi e inquietanti.

Paolo Valsecchi

 

Nessun commento:

Posta un commento