giovedì 23 maggio 2019

Il Lario aspetta il Giro. E a Sormano concerti, animazioni e visite guidate


La chiesa di Sant'Ambrogio a Sormano.

(C.Bott.) Domenica prossima, 26 maggio, il grande ciclismo approda sulle strade lariane per la quindicesima tappa, la Ivrea-Como, del Giro d’Italia.
Quel giorno la carovana rosa transiterà anche sul Sormano, senza percorrere il terribile “muro” ma salendo comunque fino alla Colma prima di toccare Zelbio, Nesso e Torno e raggiungere Como, dove è previsto l’arrivo.
“Il tè delle 5” di Caglio, Rezzago e Sormano ha così deciso di festeggiare degnamente questo importante avvenimento con una “due giorni” di interessanti iniziative, nella consapevolezza che il Giro sia da sempre non soltanto un grande evento sportivo ma altresì un’autentica festa e un momento di fratellanza.
Si inizierà dunque sabato 25 alle  11, nella sala consiliare del municipio di Sormano, con l’inaugurazione della mostra di disegni sul tema della bicicletta e del Giro, a cura di insegnanti e alunni della scuola elementare.
Sempre sabato alle 21, nella chiesa parrocchiale di Sant’Ambrogio a Sormano, concerto di primavera del giovane pianista Alessandro Viggiano, che eseguirà musiche di Chopin, Liszt, Alexander Scriabin e Rachmanoniv.
Milanese e non ancora trentenne, Viggiano ha conseguito lo scorso anno la laurea magistrale al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano. Fa parte da questo anno scolastico 2018-2019 del corpo docente della Scuola di musica “San Lorenzo” di Mandello.
Durante l’intervallo del concerto si parlerà della corsa rosa e di “Casa sul murocon il giornalista e scrittore Gianni Torriani e con l’architetto Simone Nava.
Domenica 26 festa su tutta la salita di Sormano, partendo da Gemù e arrivando a Dicinisio, nella parte alta del paese, con musica, animazioni, visite guidate e street food in attesa dei campioni del pedale.
Alle 10 concerto nella chiesa di Gemù, alle 11 visita guidata alla chiesa romanica di Mudronno, alle 12 concerto nella chiesa della Madonna di Caravaggio, in centro a Sormano, e alle 14 visita guidata alla chiesa di Santa Maria a Dicinisio e alla sua pala d’altare del 1400.
“Sono in effetti ben sei - spiega Alberto Bottinelli, responsabile del progetto “Il tè delle 5” per il consiglio pastorale parrocchiale - le chiese della comunità pastorale di Caglio, Rezzago e Sormano distribuite sulla mitica salita e quel giorno saranno tutte aperte per le visite. I corridori sono attesi a Sormano soltanto dopo le 15 di domenica 26, dunque non mancherà il tempo di ammirare il “Sormano” e i suoi gioielli, appunto prima di tributare doverosi applausi ai ciclisti”.

Nessun commento:

Posta un commento