sabato 17 agosto 2019

Horex-days 2019, a fine agosto la seconda edizione in Alta Baviera


A Landsberg am Lech un appuntamento significativo per gli appassionati di motociclismo
Sabato 31 agosto la casa motociclistica Horex aprirà per la seconda volta le porte della sua sede di Landsberg am Lech, in Alta Baviera.
Dopo il consenso registrato lo scorso anno, quando oltre un migliaio di persone entrarono della nuova sede del marchio tedesco nato nel 1923 a Bad Homburg, era palese che questo evento non sarebbe rimasto un fatto isolato. E la seconda edizione sarà ancora più grande, ricca e colorata.
Si inizierà alle 10 con l´apertura della area espositiva, dove si potranno ammirare gli attuali modelli della gamma VR6, insieme alle moto più significative della storia del marchio.
Una piccola flotta di VR6 nelle versioni Classic, Café Racer e RAW sarà a disposizione per la prova su strada, lungo un tratto della famosa “strada romantica”.
Nell’area espositiva faranno bella mostra di sé gli esclusivi accessori e la linea di abbigliamento Horex, oltre ad alcuni esempi del programma di personalizzazione individuale che la Casa offre ai clienti, sia sotto il profilo estetico sia per quanto riguarda l’assetto e la posizione di guida.
Sarà possibile visitare anche la linea di produzione di queste lussuose moto a sei cilindri, che tra le altre caratteristiche hanno quella di essere assemblate con parti in fibra di carbonio prodotte internamente, così come la verniciatura.
Molto curata sarà la parte dedicata all’intrattenimento. Colori, musica e specialità gastronomiche della tradizione bavarese saranno i protagonisti, fino al concerto della band The Heimatdamisch.
Landsberg am Lech si trova a un’ora di distanza da Garmisch-Partenkirchen e a due ore e mezza dal confine italiano del Brennero.
Oltre a essere una località turistica nota per la già ricordata “strada romantica”, Landsberg am Lech è anche la città dove nel 1894 Alois Wolfmüller costruì la prima moto di serie, brevettandola con il nome tedesco di “Motorrad”.

Nessun commento:

Posta un commento