25 aprile 2020

E’ il 25 aprile. La mandellese Giulia Zucchi scriveva: “Dobbiamo far vivere la storia”

Un gruppo di partigiani a Era in una foto del 1944.
(C.Bott.) E’ il 25 aprile, settantacinquesimo anniversario della liberazione dal nazifascismo. Di quella data, appunto il 25 aprile 1945, parlava Giulia Zucchi, uno dei simboli della lotta partigiana mandellese, nel libro Giulia - Un duro percorso di vita "da Somana a Poada" dato alle stampe nel 1999.

Lei, quella lotta, l’aveva combattuta in prima linea e negli anni successivi dedicò tempo ed energie alla diffusione degli ideali dell’azione partigiana  e dei valori che la ispirarono.
Quante battaglie si ritrovano ripercorrendo la sua vita! Un percorso con tanti ostacoli, sempre superati con la determinazione e la volontà di chi non vuole accettare la sopraffazione. E l’ingiustizia.
“Quando arrivò il 25 aprile del ’45 - scriveva “la Giulia” - non ci sembrava vero di poter circolare per Mandello liberi. Ma dopo qualche giorno arrivarono notizie allarmanti. A Mandello giunse infatti l’Armata Liguria comandata dal generale Pemsel. Presero il posto dei loro colleghi tedeschi e si installarono per qualche giorno alle ex scuole di Molina. Il generale tedesco era disposto ad arrendersi soltanto davanti a un pari grado”.
“Interpellato telefonicamente il Comitato di liberazione nazionale Alta Italia - aggiungeva - mandammo a prendere a Milano un ufficiale e in una sala dell’attuale asilo di Molina, sotto dettatura di un interprete, la resa fu scritta da me a macchina. Il 30 aprile, finalmente, i tedeschi presero la via del ritorno, passando per il Brennero. Prima di partire gettarono molte armi nel lago nella zona delle gallerie di Lierna, dove l’acqua era molto profonda...”.
Giulia Zucchi al Quirinale con il presidente Sandro Pertini. E' il 1983.
“Essere stato partigiano - si legge sempre nel libro-diario della mandellese, classe 1922 - per qualcuno non era considerato un titolo di merito, in particolare se si aggiungeva garibaldino”. E ancora: “Ciascuno di noi si è dato da fare, singolarmente oppure inserito nelle associazioni e nei comitati preposti a compiti di assistenza o con iniziative politico-culturali che ritenevamo positive per un ritorno a una normalità vivibile. Abbiamo cercato di fare tutto con lo stesso impegno profuso nella lotta di liberazione. E oggi la mia disponibilità e il mio entusiasmo li dedico all’Anpi e, legata ai miei compagni più cari, resisto perché so quanto è importante l’impegno che ci siamo assunti di non lasciar dimenticare”.
Il libro riporta vari episodi della lotta di Resistenza. Tra gli altri, questo: “Un giorno, mentre tornavo da Lecco con la borsa carica di munizioni, sulla strada davanti all’ex caserma dei carabinieri mi fermò un fascista di Mandello. Cosa vuoi da me?, gli chiesi. Lui rispose: “Guardare nella tua borsa”. Allora gli dissi: “Guardaci pure, sono andata a Lecco a fare un po’ di spesa”. Convinto dal mio atteggiamento sicuro, lui non guardò. Quel giorno presi un grande spavento e, arrivata vicino alla Moto Guzzi, scesi dalla bicicletta e per qualche minuto rimasi appoggiata al muro. Poi proseguii, arrivando fino a Somana”.
Poi un altro episodio: “Nel marzo del ’44 fui mandata a Milano per ritirare delle armi che ci avevano procurato i Gruppi di azione patriottica, che ebbero grandissimo merito nella lotta partigiana. Dovevo recarmi a San Siro in via Pellizza da Volpedo… Caricai le armi in una valigia di medie dimensioni. Arrivata in piazza Castello un repubblichino in borghese fece scendere tutti perché il tram non proseguiva oltre. Si viveva nel terrore e nessuno protestò. Presi la mia valigia e mi incamminai verso piazza della Scala per riprendere il tram… All’imbocco di via Dante c’erano le macerie di un grande palazzo bombardato. E dalle macerie partirono raffiche di mitraglia. Erano i gappisti che attaccavano un corteo fascista… Io proseguii con la mia valigia. Avevo 22 anni e tanta voglia di liberare l’Italia. Ormai erano diventati 100 i compagni che mi aspettavano lassù a Era.”.
E ancora: “I cittadini mandellesi ci aiutarono molto, altrimenti non avremmo potuto resistere venti mesi in montagna. La nostra Brigata ha avuto il privilegio di ospitare uno dei partigiani più giovani d’Italia. Sua madre Fulvia Poletti, sorella del nostro comandante Lino Poletti, e suo padre Isidoro Mauri, antifascista di vecchia data, avevano portato con loro il figlio Franco, di soli 5 anni, per sfuggire alle rappresaglie fasciste. Quando di sera i partigiani scendevano da Era per fare delle azioni, al ritorno si fermavano a casa mia e io preparavo gnocchi di patate. Finito di mangiare, i partigiani si incamminavano nuovamente verso Era… A Somana non si è mai visto, durante il periodo della resistenza, un tedesco o un fascista. Appena in paese si vedeva un volto nuovo, tutti erano in allarme. Quasi tutti avevano in montagna fratelli o parenti, così si stava molto attenti. E fortunatamente è andata sempre bene”.
Nel libro di Giulia Zucchi c’era quindi spazio per il capitolo dedicato a Giovanni e Giuseppe Poletti, arrestati mentre percorrevano la strada che portava a Molina. Giuseppe tentò la fuga che lo portò alla morte, Giovanni fu portato al comando tedesco a Molina, torturato e fucilato all’esterno del cimitero.
“Ci chiamavano banditi - scriveva la Giulia - ma in realtà i banditi erano loro”. Poi il racconto dell’attentato della Maiola dell’ottobre 1944 costato la vita a Battista Morganti (il Brachèt), Davide Gaddi e Adamo Gaddi, quest’ultimo morto nell’ambulatorio del dottor Stea dove era stato portato a causa delle gravissime ferite riportate nello scoppio.
Infine lo scioglimento della Brigata e i giorni della Liberazione. E una considerazione: “Purtroppo la vita ha il suo corso inevitabile e tutti gli anni qualcuno manca all’appello, ma la storia dobbiamo tenerla viva. Il ricordo deve restare anche per le giovani generazioni, per far sì che l’Italia rimanga sempre uno stato democratico”.

Nessun commento:

Posta un commento