lunedì 27 aprile 2020

“Lecco 2020”, il raduno alpino del II Raggruppamento rinviato al 2021

Il raduno del II Raggruppamento Lombardia e Emilia Romagna “Lecco 2020” in programma per il prossimo ottobre è stato rinviato al 2021. Lo ha stabilito il consiglio direttivo nazionale dell’Ana, che ha accolto favorevolmente la proposta ricevuta dai quattro raggruppamenti.
Quelli del IV ad Assisi, del I Verbania e del II a Lecco erano già programmati nello stesso mese in cui è stata ricollocata l’adunata nazionale di Rimini-San Marino: sarebbero quindi eccessivi i problemi di organizzazione per le sezioni e di partecipazione per le penne nere.
Il raduno del III Raggruppamento, previsto in luglio ad Asiago, è stato a sua volta rinviato alla luce delle attuali restrizioni sanitarie in tema di assembramento.
La sezione Ana di Lecco, per voce del suo presidente Marco Magni, era stata la prima a sottoporre alla presidenza nazionale la proposta di rinvio. “Alla luce della riprogrammazione dell’adunata nazionale e soprattutto in considerazione della situazione di emergenza legata al Covid-19, già a inizio aprile ho contattato il presidente Favero chiedendo di poter rimandare il raduno del II Raggruppamento, la cui organizzazione quest’anno tocca alla sezione di Lecco - spiega Magni - Ho chiarito che la richiesta, preventivamente condivisa nell’ultimo direttivo sezionale, scaturiva dal pensiero che non avesse alcun valore associativo, come pensiamo noi alpini, organizzare un evento immediatamente prima o subito dopo l’adunata nazionale, che consideriamo il più importante della nostra associazione. A ciò si
aggiunge il fatto che i nostri alpini avrebbero difficoltà a muoversi nell’arco di un mese per partecipare a simili eventi. Il tutto senza dimenticare le aziende, le associazioni e le istituzioni del territorio lecchese, che hanno garantito il loro contributo sia economico sia di collaborazione per l’evento, ma che ora si trovano in questa situazione di emergenza e si stanno sforzando di mantenere le loro attività con enormi difficoltà”.
La posizione della sezione lecchese è stata come detto accolta e condivida dal consiglio direttivo nazionale, che ha espresso parere favorevole a posticipare i raduni.
L’appuntamento con “Lecco 2020”, quindi, è soltanto rimandato, con la certezza che quando la macchina organizzativa potrà rimettersi in moto non mancheranno l’entusiasmo e la voglia di fare ancora meglio per un indimenticabile evento tra lago e monti.

Nessun commento:

Posta un commento