mercoledì 29 aprile 2020

In un video la preghiera di don Michele Gianola per la Giornata mondiale per le vocazioni

Il sacerdote di Abbadia Lariana esercita il suo ministero a Roma ed è direttore dell’Ufficio nazionale per la pastorale delle vocazioni della Cei
Don Michele Gianola
(C.Bott.) Un mosaico di volti e di voci per un’unica invocazione, preparata per la 57.ma Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni proclamata per domenica 3 maggio. Un video in cui sacerdoti, suore, laici, giovani, adulti e bimbi recitano ciascuno poche parole, fino a formare appunto un’unica preghiera dal titolo “Datevi al meglio della vita”.
“Scegliere te, Signore Gesù, è lasciare che tu vinca l’amarezza delle nostre solitudini e la paura delle nostre fragilità”, recita un passaggio del testo “costruito” proprio sulla solitudine, sulla paura e sulla fragilità che si stanno inevitabilmente accompagnando a questa emergenza sanitaria. E ancora: “Seguire te è far sbocciare i sogni e prendere decisioni”.
Il video si deve a un’idea di don Michele Gianola, il sacerdote di Abbadia Lariana che, dopo essere stato vicerettore in Seminario e successivamente collaboratore presso la parrocchia di Gaggino, ora svolge il suo ministero a Roma. Da tre anni don Michele, classe 1975, è direttore dell’Ufficio nazionale per la pastorale delle vocazioni della Conferenza episcopale italiana.
Proprio per i fedeli di Abbadia Lariana e Mandello la preghiera composta per la ricorrenza di domenica prossima può rappresentare l’occasione per “celebrare” appunto le vocazioni ricordando i “pellegrinaggi” che il terzo sabato di ogni mese, fino a prima dell’emergenza coronavirus, prevedevano il ritrovo e la recita del rosario percorrendo il tratto compreso tra la chiesa arcipretale mandellese di San Lorenzo e il Santuario della Beata Vergine del fiume.
Il video - in cui appaiono anche Giacomo e Chiara Alippi di Abbadia Lariana, nipoti di don Michele - è pubblicato su YouTube ed è disponibile alla pagina https://youtu.be/qjl2Vw4kA­_4.

Nessun commento:

Posta un commento