domenica 5 maggio 2019

Giulia Molteni canta De Andrè. E gli ultimi, i “futuri vincitori”

Con lei, nel bel concerto nella veranda del chiostro del complesso di San Calocero a Civate, il percussionista Francesco D’Auria e Ranieri “Ragno” Fumagalli
Francesco D'Auria, Giulia Molteni e "Ragno" Fumagalli sabato 4 maggio a Civate.
di Claudio Bottagisi
Un libro pubblicato lo scorso anno dalla Fondazione che ne porta il nome si proponeva di far leggere, o rileggere, testi scritti da Fabrizio De Andrè per riflettere sui temi da lui sottoposti alla sua e alla nostra attenzione: gli ultimi, gli emarginati, il potere, la libertà, l’anarchia e la guerra, per citarne alcuni. “Ieri cantavo i vinti, oggi canto i futuri vincitori. I nomadi, le infinite prinçese, chiunque coltivi le proprie diversità con dignità e coraggio, attraversando i disagi dell’emarginazione, con l’unico intento di rassomigliare a se stesso, è già di per sé un vincente”, affermava il grande cantautore.

Ieri sera nella veranda del chiostro di San Calocero a Civate, in uno scenario di per sé suggestivo, gli ultimi - anzi i futuri vincitori per dirla appunto con De Andrè - sono tornati a essere protagonisti. Merito del concerto Umbre de muri, dell’incredibile voce di Giulia Molteni (bravissima anche al pianoforte), di un grande ed eclettico percussionista qual è Francesco D’Auria (capace, verrebbe da dire, di “far parlare” la sua batteria e ogni altro strumento da lui utilizzato durante l’esibizione) e di un eccellente professionista qual è Ranieri “Ragno” Fumagalli, bravissimo al flauto e con l’ocarina.
Un concerto, quello voluto dai Comuni di Civate e Valmadrera e dalla Fondazione  Casa del cieco “Monsignor Edorardo Gilardi”, dedicato a Fabrizio De Andrè nell’anno del ventennale della sua morte. Umbre de muri, appunto. Ombre di facce che troppo spesso passano sotto i nostri occhi senza che neppure ce ne accorgiamo. O che magari fingiamo di non vedere.
Un concerto bellissimo, aperto non a caso da Crêuza de mä, una delle pietre miliari della musica degli anni Ottanta e non solo, e chiuso dal conosciutissimo brano Il pescatore, che narra appunto di un anziano pescatore che vede sopraggiungere dinanzi a lui un assassino spaventato e in fuga.
In mezzo, un dettagliato quanto studiato percorso nelle canzoni di De Andrè, “grande poeta - aveva premesso Giulia Molteni introducendo la serata - che agli ultimi ha saputo dare voce, attenzione e dignità”.
Ecco allora Via del campo, Bocca di rosa, Hotel Supramonte e altri brani sempre dall’album Crêuza de mä e dal Canto del servo pastore. Poi Geordie e Khorakhanè, Fiume Sand Creek e Ederlezi, canzone tradizionale delle popolazioni di etnìa Rom dei Balcani interpretata, tra gli altri, da Goran Bregovic, musicista e compositore bosniaco.
Quindi, dopo altri due brani tratti dall’album Anime salve pubblicato nel ‘96, il tredicesimo del cantautore italiano, il momento più emozionante per Giulia Molteni e per il numeroso pubblico che assisteva al concerto. “Dedico questo pezzo a Francesca, che nascerà in agosto”, premette la cantante. E via con la toccante interpretazione di Ave Maria, dall’album La buona novella: “Ave Maria, adesso che sei donna, ave alle donne come te, Maria, femmine per un giorno per un nuovo amore povero o ricco, umile o Messia. Femmine un giorno e poi madri per sempre nella stagione che stagioni non sente”.
Poi spazio ai meritatissimi bis. E a un lungo, lunghissimo applauso.

Nessun commento:

Posta un commento