sabato 3 agosto 2019

Canottaggio. Mondiali Junior, Arianna e Simone volano a Tokyo


La Passini e Fasoli partono oggi per la sfida iridata in programma dal 7 all’11 agosto
Arianna Passini
di Claudio Bottagisi
La grande avventura va a incominciare. Arianna Passini e Simone Fasoli lasciano oggi l’Italia destinazione Tokyo, dove da mercoledì 7 a domenica 11 agosto si svolgeranno i campionati mondiali Junior di canottaggio.
Dopo il raduno a Sabaudia, la direzione tecnica ha annunciato la composizione della delegazione azzurra, attesa da un appuntamento che varrà anche quale test race per il campo di regata della Sea Forest Waterway che ospiterà le regate olimpiche di Tokyo 2020.
Il direttore tecnico, Francesco Cattaneo, ha convocato per la trasferta nipponica 30 atleti, che saranno seguiti dai capi allenatori Valter Molea per i maschi e Massimo Casula per le ragazze, i quali si avvarranno della collaborazione di uno staff tecnico composto da Agostino Abbagnale, Daniele Barone e Marco Costantini per il settore maschile, Giulio Basso e Rocco Pecoraro per il settore junior femminile.
Due, si è detto, gli azzurrini mandellesi in gara. Arianna Passini, 18 anni da compiere il 12 novembre, è alla sua seconda esperienza in un Mondiale dopo lo splendido argento conquistato nell’agosto 2018 nella Repubblica Ceca con il “quattro senza”, lo stesso armo su cui troverà posto quest’anno. Con lei in barca a Racice vi erano Khadja Alaidi El Idrissi del Cus Torino, Vittoria Tonoli della “Garda Salò” e Chiara Di Pede della Canottieri Arno.
Quello stesso equipaggio, tra l’altro, arrivò alla regata decisiva per l’assegnazione delle medaglie dopo aver stabilito in semifinale il nuovo primato mondiale. In finale, poi, le azzurrine dovettero inchinarsi all’armo degli Stati Uniti, ma precedettero sul traguardo nell’ordine Nuova Zelanda, Romania, Australia e Olanda, ottenendo appunto un meraviglioso argento.
Simone Fasoli
Arianna Passini, portacolori della Canottieri Moltrasio e terza quest’anno agli Europei di categoria a Essen in Germania, sarà in gara anche a Tokyo sul “quattro senza”. Obiettivo dichiarato, centrare la finale. A quel punto, spazio a qualsiasi sogno.
La mandellese è al secondo anno da Junior, proprio come Simone Fasoli, alla sua terza avventura in una competizione iridata.
L’atleta della Canottieri Moto Guzzi, 18 anni compiuti lo scorso 17 aprile, con il “due senza” fu quinto lo scorso anno a Racice con Davide Comini (lui pure mandellese) e nono nel 2017. Nella sfida iridata disputata nella Repubblica Ceca i due azzurrini furono preceduti dagli armi di Romania, Germania, Croazia e Sud Africa, ma tagliarono il traguardo davanti all’equipaggio della Lituania.
Fasoli vanta anche tre partecipazioni ai campionati europei, con una medaglia di bronzo conquistata nel 2018 sempre sul “due senza”.
Buon viaggio, allora, Arianna e Simone. E buon Mondiale!

Nessun commento:

Posta un commento