mercoledì 10 luglio 2019

Mandello. Sedeki e Luca, un premio all'intraprendenza. E all’amicizia


(C.Bott.) Una storia di integrazione. E di amicizia. La storia di Sedeki e di Luca Picariello, il primo profugo dal Ruanda, Paese dell’Africa orientale, all’età di soli 4 anni, il secondo operatore del Patronato Inas Cisl di Lecco e dal 2015 assessore ai Servizi sociali a Mandello.
Una storia nata proprio a Mandello, in particolare alla “Nostra Famiglia”, residenza sanitaria e assistenziale per persone con disabilità.
E una storia che è valsa ai due protagonisti il premio “Flavio Cocanari”, alla sua decima edizione, assegnato martedì 9 luglio all’Auditorium del Massimo a Roma nell’ambito della Conferenza nazionale organizzativa della Cisl.
Una storia costruita anche attraverso le numerose pratiche espletate per arrivare a far sì che Sedeki potesse ottenere la cittadinanza italiana. Tante ore passate insieme e tante sfide burocratiche affrontate con caparbietà. E con successo.
Nel nostro Paese con un permesso di soggiorno per motivi umanitari, Sedeki ottiene - tra i primi in Italia - dapprima l’invalidità civile e in seguito, appunto, la cittadinanza italiana.
“Io lo definisco un uomo di pace perché è un ragazzo rispettato da tutti”, dice di lui la responsabile della “Nostra Famiglia”.
“L’incontro tra Luca e Sedeki - è stato detto ieri nella capitale alla cerimonia di attribuzione del premio - mette in luce come la capacità degli operatori territoriali di scommettere sulle relazioni ben oltre il semplice adempimento professionale possa generare crescita, sorrisi e amicizie”.
“Vi voglio ringraziare tanto per questo premio”, ha detto il sempre sorridente Sedeki. “Lui ci cambia le prospettive di vita - ha commentato dal canto suo Luca Picariello - e Sedeki sa mettere in luce i suoi pregi e, per contro, mettere più in secondo piano le difficoltà e sicuramente ciò che lui ha dato e continua a dare a me e a tutti noi è ben più di quanto ognuno di noi possa dare a lui”.
Poi la consegna del riconoscimento e un lungo meritato applauso.

Nessun commento:

Posta un commento