martedì 26 febbraio 2019

Mandello. I piccoli alunni dell’asilo di via Monastero a lezione di yoga


(C.Bott.) Il corso è iniziato in ottobre e si protrarrà per l’intera durata dell’anno scolastico. A frequentarlo sono tutti gli alunni della scuola dell’infanzia di via Monastero, a Mandello, che con stupore e gioia si stanno “immergendo” nell’universo dello yoga.

Lo yoga e i bimbi, del resto, sono mondi simili, come tiene a sottolineare Leila Lanfranconi, operatrice bioenergetica. “Il modo dei bambini - spiega - è caratterizzato dalla semplicità, dalla capacità di meravigliarsi e di evolvere, dalla continua curiosità e dalla ricerca, oltre che da profonde intuizioni”.
Per questo motivo, dopo le prime titubanze, i bambini finiscono con l’immedesimarsi nelle asana (il termine identifica appunto le posizioni nello yoga), nei canti e nei respiri, sentendosi realmente pesci, leoni, guerrieri, fiori o alberi.
“Questa sintonia e questa vicinanza - aggiunge - consentono alla pratica dello yoga di accompagnare i più piccoli nel percorso di crescita attraverso il fiorire delle potenzialità fisiche, mentali ed emozionali, promuovendo il formarsi di una personalità equilibrata, autonoma e libera da ogni condizionamento”.
Lo yoga regala ai bambini momenti di tranquillità e interessanti accenni di spiritualità, oltre a favorire il rilassamento del corpo, della mente e dell’anima.
“Questa antichissima tecnica di ricerca dell’equilibrio - osserva sempre Leila Lanfranconi - è nata in India oltre 5.000 anni fa con l’intento di risvegliare quella meravigliosa comunicazione tra mente, anima e corpo che consente appunto una vita sana ed equilibrata, in armonia con tutto ciò che ci circonda”.
“L’intento degli incontri che si tengono a cadenza settimanale alla scuola dell’infanzia di via Monastero - conclude - è dunque quello di portare dentro il magico ma reale mondi dei bimbi un momento di relax e allo stesso tempo dare le prime basi per vivere un’esistenza equilibrata e in armonia con il loro universo scolastico, con quello familiare e in generale con il mondo che li circonda”.
La scuola dell’infanzia di via Monastero è in attività fin dal 1884, anno in cui venne fondata per volere di Luigia Mainetti, all’epoca proprietaria del secentesco palazzo in cui si trova oggi l’asilo.
Attraverso un lascito legatario e dimostrando sensibilità e grande attenzione verso i più piccoli, donò lo stabile a condizione appunto che fosse destinato ad accogliere una scuola dell’infanzia.
Sul finire degli anni Novanta l’edificio è stato completamente ristrutturato, mantenendo intatta l’originale architettura del fabbricato, con ambienti ampi e luminosi, aggiungendo tocchi di colore che rendono l’ambiente particolarmente accogliente e a misura di banbino.
Il giardino, con la sua posizione privilegiata verso il lago, è attrezzato con una serie di giochi.
Insomma tutto concorre al conseguimento degli obiettivi che la scuola si propone di far raggiungere ai bambini: maturazione dell’identità, educazione alla cittadinanza, sviluppo delle competenze, conquista dell’autonomia.
La centralità dei bimbi è del resto il presupposto da cui alla scuola di via Monastero si parte per progettare qualsiasi attività, che prevede tra l’altro momenti di condivisione, laboratori teatrali, l’insegnamento della lingua inglese a partire dal secondo anno, corsi di psicomotricità e laboratori sensoriali, laboratori per lo sviluppo delle competenze scientifiche e logico-matematiche, attività di pregrafismo per gli alunni dell’ultimo anno (in preparazione all’ingresso nella scuola primaria) e la partecipazione ai laboratori di educazione stradale proposti dal Comune di Mandello, oltre a proficui scambi di esperienze con gli anziani ospiti della casa di riposo.
Si punta poi a promuovere un percorso di crescita che stimoli il rispetto e la valorizzazione di se stessi e un armonico sviluppo delle capacità logiche. Il tutto nella convinzione che i bambini sono dotati di grandi potenzialità.

Nessun commento:

Posta un commento