martedì 26 febbraio 2019

Lecco. Arlecchino a teatro domenica 3 marzo con il “Cerchio tondo”


(C.Bott.) La sesta rassegna domenicale per bambini e famiglie “C’è spettacolo a teatro”, organizzata dal “Cerchio tondo” di Lecco in collaborazione con Teatro Invito, propone per domenica 3 marzo lo spettacolo Le peripezie di Arlecchino nato affamato, di Ortoteatro.

L’appuntamento è per le ore 16 presso lo Spazio Teatro Invito in Ugo Foscolo 42 (zona Iperal).
L’invito degli organizzatori è di intervenire mascherati, anche perché lo spettacolo sarà seguito da una parata con il drago e dalla premiazione delle mascherine.
Ingresso unico 5 euro, con apertura della biglietteria alle ore 15.
Per informazioni e prenotazioni scrivere all’indirizzo e-mail ilcerchiotondo@libero.it, oppure telefonare al 338-59.40.134. Prevendita biglietti fino a venerdì 1° marzo dalle 9.30 alle 13 presso Spazio Teatro Invito.
Lo sapevate? Un giorno l’allegria fece un uovo, il sole e la luna lo covarono. E da quell’uovo nacque Arlecchino.
Ortoteatro propone questa inedita storia sulla più famosa maschera italiana tramite un viaggio divertito e giocoso tra i personaggi più divertenti della tradizione della commedia dell’arte: Brighella, il dottor Balanzone, Pantalone, Colombina e il Capitano.
Anche se nacque adulto, parlante e pensante, Arlecchino nacque nudo, come tutti. Come procurarsi un vestito? Arlecchino quel giorno poteva dirsi fortunato. Vari personaggi stavano per passare davanti ai suoi occhi, per donargli, loro malgrado, un pezzo di stoffa colorato. Il dottor Balanzone, ad esempio. O due innamorati gelosi come Brighella e Colombina. E che dire del Capitano Cola Furibondo e di Pantalone De Bisognosi, innamorati entrambi della stessa servetta?
I dialoghi contengono citazioni di testi di Goldoni e Molière, scenari di commedia dell’arte e dall’opera Le Maschere di Mascagni.
Lo spettacolo è realizzato con musiche eseguite dal vivo.
Interpreti sono Federica Guerra, Fabio Mazza e Fabio Scaramucci, gli elementi scenotecnici di Paolo Pezzutti, le scene e i burattini di Mauro Fornasier, Paolo Pezzutti e Ada Mirabassi, su musiche di Fabio Mazza, con testo e regìa di Fabio Scaramucci.

Nessun commento:

Posta un commento