domenica 10 maggio 2020

Mandello. Rifiuti, copertoni, sfalcio e quant’altro abbandonati lungo il sentiero

(C.Bott.) Il sentiero del viandante trasformato, per fortuna soltanto in alcuni tratti, in una discarica a cielo aperto. O per meglio dire, in un immondezzaio. L’inciviltà di pochi colpisce ancora e questa volta prende di mira uno tra i percorsi più frequentati e paesaggisticamente tra i più suggestivi del territorio lariano e in particolare della sponda che da Abbadia Lariana sale verso l’Alto lago. Si sta parlando del sentiero del viandante.
Basta percorrerlo con una certa frequenza, per accorgersene. E camminare lungo il tratto che dalla frazione mandellese di Somana, poco oltre il cimitero, va verso Poada.
Capita così di imbattersi in copertoni, sacchi di sfalcio, mucchi di arbusti, pattumiere, rifiuti edili e scarti vari da demolizioni. E chi più ne ha più ne metta!
E’ facile immaginare che quello scempio avvenga nelle ore notturne, al riparo da occhi indiscreti, ma è davvero difficile capire il perché di tanta maleducazione, quando chiunque può recarsi al centro di raccolta rifiuti in località Carletta.
Sarebbe allora il caso che i colpevoli venissero individuati e puniti, così da porre un argine all’inciviltà (e alla barbarie, verrebbe da dire) di persone che con il loro comportamento “macchiano” e mettono a repentaglio l’immagine di un intero territorio.

1 commento:

  1. L inciviltà di pochi.va sempre a scapito della maggioranza...purtroppo

    RispondiElimina