lunedì 15 aprile 2019

Cancro primo aiuto, agli alluvionati del Veneto 18 camion di materiale edile e d’arredo


Sono diciotto i camion carichi di materiale edile e di arredo raccolti dall’associazione “Cancro primo aiuto” per gli alluvionati del Veneto che sabato 13 aprile hanno raggiunto la periferia di Padova.

Sono partiti in mattinata dallo stadio Brianteo di Monza alla presenza del vicepresidente della Regione Lombardia, Fabrizio Sala, del suo collega di giunta, l’assessore Stefano Bolognini, e dei rappresentanti della Lega Nord Paolo Grimoldi, segretario regionale, e Massimiliano Romeo, capogruppo al Senato, oltre che di alcuni soci della Onlus.
Il via alla “carovana” è stato dato dal sindaco di Monza, Dario Allevi. Scortati dalla Polizia stradale, i camion sono giunti a destinazione accolti dal ministro per la Famiglia e le disabilità Lorenzo Fontana, dall’assessore all’Ambiente e alla protezione civile della Regione Veneto Gianpaolo Bottacin e dal sindaco di Rubàno (Padova), Sabrina Doni, dove ha sede il magazzino della “Caloni trasporti” che ha gestito la logistica del materiale raccolto.
La raccolta di materiale edile e d’arredo per gli alluvionati del Veneto era stata lanciata da “Cancro primo aiuto” all’indomani del tragico evento di fine ottobre 2018. Subito avevano dato la loro disponibilità la Lega Nord (che con il Movimento dei Giovani Padani aveva già sostenuto una raccolta simile nel 2010), Confindustria Lecco e Sondrio e Confimi Monza e Brianza, che annoverano tra i loro vertici alcuni consiglieri di “Cancro primo aiuto”, e successivamente anche il Presidio territoriale di Monza e Brianza di Assolombarda.
Da allora sono state coinvolte quasi 40 aziende, che in vario modo hanno contribuito alla buona riuscita dell’iniziativa: in tutto è stato raccolto materiale per un controvalore di oltre 120mila euro.
I primi due camion, carichi di pellet, erano già stati consegnati ad Agordo nei primi giorni di febbraio e consegnati nelle mani dell’assessore all’Ambiente e alla Protezione civile della Regione Veneto.
“Anche se non è questo l’oggetto delle nostre attività - dice Flavio Ferrari, amministratore delegato di “Cancro primo aiuto” - abbiamo ritenuto opportuno dare una mano agli alluvionati del Veneto. E ancora una volta i nostri soci hanno dimostrato una grande disponibilità”.
“Ognuno di noi ha messo in campo le proprie capacità - aggiunge Nicola Caloni, vicepresidente della Onlus - Anche per questo l’iniziativa ha avuto successo”.
Bisogna fare i complimenti a “Cancro primo aiuto” - ha commentato il ministro Fontana - perché venti camion di materiale da usare nelle nostre zone del Veneto in difficoltà fa onore a tutti quelli che si sono impegnati. E’ questa la parte bella del nostro Paese, di cui sono orgoglioso”.
Alla buona riuscita dell’iniziativa aveva contribuito anche la campionessa di sci, Elena Fanchini, testimonial di “Cancro primo aiuto”, registrando uno spot per far conoscere la raccolta.

Nessun commento:

Posta un commento