giovedì 11 aprile 2019

Dieci borse di studio per gli studenti del Corso ITS tecnico superiore per la filiera agroalimentare


L’annuncio in occasione dell’odierno Open day in vista della nuova edizione
Sono dieci le borse di studio per gli studenti del corso ITS tecnico superiore specializzato nell’innovazione della filiera agroalimentare, nel controllo qualità e nella gestione della produzione per l’anno formativo 2019-2020, che saranno finanziate dalla Camera di commercio di Sondrio.

L’annuncio arriva nel contesto dell’Open day di oggi, giovedì 11 aprile, organizzato in vista delle iscrizioni alla seconda edizione del corso, e riguarda la disponibilità di dieci “borse” da 500 euro ciascuna destinate a coprire, per la prossima annualità formativa, la retta di iscrizione per cinque studenti del primo anno e per altrettanti del secondo.
“Queste borse aggiungono un nuovo importante elemento di interesse al corso, rappresentano un’opportunità in più per i nostri giovani e vi si potrà avere accesso sulla base dei criteri del merito e del reddito”, commenta Franco Moro, presidente della Fondazione Istituto Tecnico Superiore per l’innovazione del sistema agroalimentare che ha deliberato l’istituzione delle borse di studio, subordinandola alla disponibilità di fondi erogati da uno o più enti.
“Siamo particolarmente grati alla Camera di commercio di Sondrio che ha deciso di dare fiducia al nostro progetto, di sostenerlo concretamente e, ancora di più, di impegnarsi in prima linea con noi per lo sviluppo della nostra filiera e per garantire maggiori chance di occupazione ai giovani”, conclude Moro.
“L’intervento finanziario della Camera di commercio di Sondrio - afferma la presidente della Camera di commercio di Sondrio, Loretta Credaro - si fonda sul riconoscimento di due elementi di carattere strategico rappresentati dal valore dell’istruzione tecnica superiore, strumento attualissimo che auspichiamo trovi sempre maggiore valorizzazione e attenzione da parte dei nostri giovani e dalla centralità del comparto agroalimentare all’interno dell’economia provinciale”.
L’Open day presso l’ITAS “G. Piazzi” di Sondrio, ente di riferimento per il progetto coordinato da Confindustria Lecco e Sondrio, è stato pensato perché i giovani interessati potessero raccogliere tutte le informazioni sul corso ITS che formerà i futuri tecnici superiori delle produzioni e delle trasformazioni agrarie, agroalimentari e agroindustriali, anche grazie agli interventi di alcune aziende della filiera agroalimentare del territorio chiamate a illustrare le richieste del sistema produttivo dal punto di vista delle competenze e delle risorse umane.
Percorso biennale post-diploma di alta specializzazione, che rilascia un titolo di studi riconosciuto in tutta l’Unione europea, il corso ITS propone 800 ore di formazione on the job sulle 2.000 complessive nei due anni, mentre più della metà dei docenti proviene dal mondo del lavoro.
Le ore di formazione in aula sono organizzate in moduli: trasversali, tecnologie di base e tecnico-professionali.
Il progetto è stato finanziato da Unione Europea - Fondo sociale europeo, ministero dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca, Regione Lombardia.

Nessun commento:

Posta un commento