venerdì 26 aprile 2019

Crebbio, all’organo musiche di Bach con il maestro Enrico Viccardi

Domani alle 18 sempre nella parrocchiale della frazione di Abbadia Lariana il concerto degli allievi della masterclass
Gli allievi della masterclass all'organo della chiesa di Crebbio con il maestro Enrico Viccardi (al centro).
(C.Bott.) Successo davvero lusinghiero, ieri sera nella chiesa di Crebbio, frazione di Abbadia Lariana, per il concerto proposto nell’ambito del corso di perfezionamento tenuto dal maestro Enrico Viccardi, classe 1961, sullo sviluppo della scrittura nei preludi a corale di Johann Sebastian Bach.
Il concerto era dedicato alla memoria di don Mario Conconi, per lunghi anni parroco proprio a Crebbio.
Nonostante le condizioni meteo fossero decisamente inclementi, la parrocchiale intitolata a Sant’Antonio abate era gremita di persone desiderose di ascoltare alcune tra le più belle composizioni di Bach interpretate da uno tra i maggiori organisti esistenti.
Una circostanza davvero inusuale, al punto da ritenere i partecipanti al concerto dei veri e propri privilegiati. A ciò occorre aggiungere che l’organo di Crebbio (anno 1761) è uno strumento di grande importanza storica, praticamente contemporaneo alla letteratura in questione.
“Auspico davvero - dice il maestro Alessandro Milesi - che in breve tempo si riesca a ultimare anche il restauro dell’organo Carlo Prati al Santuario della Madonna del Fiume, così da avere a disposizione degli studenti uno strumento del Seicento, uno del Settecento (appunto quello di Crebbio, ndr) e un altro dell’Ottocento, rappresentato dall’organo di Olcio. In tal modo Mandello diverrebbe un polo di interesse culturale dalle immense potenzialità”.
Intanto domani, sabato 27 aprile, alle ore 18 sempre nella chiesa parrocchiale di Crebbio vi sarà il concerto degli allievi della masterclass del maestro Viccardi. A loro l’Accademia Maestro Raro, unitamente all’Associazione “Giuseppe Scanagatta e Anselmo Zucchi Onlus”, consegnerà un attestato di partecipazione.


Nessun commento:

Posta un commento