sabato 12 ottobre 2019

“Castagne e parole”. Al rifugio Stoppani il 20 ottobre si parla di Casimiro Ferrari

Casimiro Ferrari, "l'ultimo re della Patagonia".
A fine mese il Cai Lecco “Riccardo Cassin” organizza l’appuntamento “Castagne e parole” con Alberto Benini. Con lui si inaugurerà la nuova iniziativa della sezione cittadina del Club alpino “Parole al rifugio”, che proporrà periodicamente la presentazione di un volume dedicato al mondo della montagna e ai suoi protagonisti, ospitato ogni volta da un rifugio del territorio.
Domenica 20 ottobre presso il rifugio Stoppani, ai piedi del Resegone, a partire dalle 10.30 Benini presenterà Casimiro Ferrari. L’ultimo re della Patagonia.
Per raggiungere il rifugio in compagnia, l’appuntamento è fissato per le ore 9 al piazzale della funivia per i Piani d’Erna, in località Versasio. Dopo la presentazione, pranzo al rifugio a partire dalle 12, quindi castagne e vin brulé per tutti i partecipanti dalle ore 13.
Info alla mail sezione@cai.lecco.it oppure a Donatella Polvara (340-70.07.564).
Casimiro Ferrari. L’ultimo re della Patagonia
Baldini Castoldi Dalai editore
Il 13 gennaio 1974 quattro Ragni di Lecco sbucano sulla cima del Certo Torre, una tra le montagne più belle e più difficili del mondo, il simbolo dell’alpinismo nella Patagonia. Alla loro testa Casimiro Ferrari, un alpinista che ha imparato giovanissimo ad arrampicare sulle pareti sopra Lecco, un po’  per gioco un po’ per la necessità di contribuire al magro bilancio familiare. In lui si uniscono una sapienza di montanaro nato a ridosso delle rocce e l’abilità tutta lecchese di lavorare il ferro. Carattere imprevedibile, burrascoso e indomabile, si innamora della Patagonia, una terra di contrasti.

Nessun commento:

Posta un commento