venerdì 18 ottobre 2019

Sempre più operatori turistici guardano a Colico e alle sue bellezze naturali

Museo della guerra bianca, Comune e Pro loco progettano strategie per ampliare l’offerta
I forti di Colico gestiti dal Museo della guerra bianca e il Comune di Colico, tramite la Pro loco, hanno portato alla “TTG Travel Experience” di Rimini la loro offerta turistica, che è stata oltremodo apprezzata dai buyers di tutto il mondo.
Nella convinzione che il turismo del lago sia uno soltanto e vive sul brand “Lago di Como”, i responsabili del museo presenti a Rimini hanno inserito l’offerta del paese rivierasco in un contesto turistico di più ampio respiro e che parte da Lecco per coinvolgere tutto il lago.
Naturalmente i forti di Fuentes e Montecchio Nord, la Torre di Fontanedo insieme alle attività ricettive (hotel, camping, case vacanza e B&B) di Colico, le sue spiagge, i suoi locali, le sue bellezze naturali, gli sport d’acqua, l’hiking, il trekking, il climbing e le innumerevoli risorse turistiche della zona naturale compresa nella riserva del Pian di Spagna, ma anche il contesto cittadino così accattivante, l’hanno fatta da protagonisti dello “story telling” in Fiera a opera dei “seller” del Museo e della Pro loco.
Durante la “tre giorni” sono stati svolti una trentina di incontri dedicati, con buyers (compratori) internazionali provenienti da Germania, Stati Uniti, Norvegia, Francia, Slovacchia, Grecia, Lettonia, India e, naturalmente, Italia. Non soltanto il settore vacanze è stato quello più richiesto, ma anche quello mice, ovvero relativo all’organizzazione sul lago di convegni, meeting e viaggi d’affari in generale.
La vicinanza di Colico a Como, a Lecco, alla Svizzera e alla Valtellina è piaciuta molto a chi sta pensando al classico giro del Lago di Como (Varenna-Bellagio-Menaggio) ma al contempo cerca anche un “plus” originale e di richiamo qual è quello che Colico può offrire in termini naturalistici, storici, culturali e di semplice divertimento (sportivo o serale).
Insomma, una meta che è parsa molto gradita, insieme ad altre del lago. Si tratta ora di vedere chi, tra gli operatori turistici e le agenzie viaggio incontrate, accetterà la sfida di portare persone individuali o gruppi nel territorio lariano per dare loro modo di scoprirlo fino in fondo e in maniera del tutto originale.
L’impegno del Museo della guerra bianca (che gestisce i Forti di Colico, la Torre di Fontanedo e la mina di Verceia) e della Pro loco di Colico, peraltro, non si ferma qui: presto saranno infatti presenti alla WTM di Londra in scena dal 4 al 6 novembre. E stanno poi pianificando le fiere che seguiranno a iniziare dalla Bit di Milano, prima fiera del 2020.

Nessun commento:

Posta un commento