martedì 22 ottobre 2019

Mandello, il Gruppo amici handicappati cambia denominazione. Si chiamerà “AbilMente”

Il nuovo logo dell'associazione "AbilMente" di Mandello.
di Claudio Bottagisi
Da oltre tre decenni è attivo a favore dell’integrazione dei disabili e per migliorare la loro autonomia. Ebbe tra i soci fondatori il dottor Gianni Comini e Margherita Morganti, scomparsi rispettivamente nel 2015 e nel 2014, il cui impegno portò anche alla successiva costituzione della Cooperativa sociale “Incontro”, voluta allo scopo di avviare e gestire laboratori per la produzione e la lavorazione di manufatti, così da favorire l’inserimento nella vita attiva dei disabili appunto attraverso l’addestramento professionale.
Una scelta di grande significato anche per donare agli ospiti della cooperativa amore, amicizia e sostegno.
Erano dunque i primi anni Ottanta quando a Mandello si costituì il Gruppo amici degli handicappati e a Margherita Morganti, nei mesi successivi alla sua morte, il sodalizio dedicò sul proprio notiziario un sentito ricordo.
“La margherita si rinnova ogni anno dalle sue radici dando luogo a nuovi fiori - si leggeva - e così Margherita attraverso l’amore e la dedizione sapeva andare oltre i problemi. Le radici di questo amore possono darci coraggio e sostenerci per le nuove iniziative in un mondo che cambia, ma che avrà sempre bisogno di solidarietà e di volontari”.
“I frutti dell’insegnamento di Margherita - aggiungevano i firmatari del ricordo - sono sotto i nostri occhi, dobbiamo soltanto aprirli. L’esempio è fatto di concretezza nel lavoro e nelle idee, nella vicinanza reale alle persone alle quali lei dava la sua disponibilità totale, nell’essere la prima  a “tirare la carretta” delle nuove proposte. Era madre, zia e nonna con i ragazzi, ma soprattutto aveva una ferma quanto affettuosa linea educativa che la faceva diventare vero riferimento per loro”.
Quindi un ideale appello: “Senza i volontari e senza Margherita non si sarebbe fatto nulla. Raccogliamo allora la sua eredità, senza paura nelle nostre capacità e sensibilità, nei nostri limiti”.
Margherita Morganti, scomparsa nell'estate 2014.
A oltre trent’anni di distanza, come detto, dalla sua costituzione il Gruppo amici degli handicappati oggi presieduto da Piercarlo Redaelli cambia denominazione. A deciderlo, a voti unanimi, è stata l’assemblea dell’associazione, convocata nei giorni scorsi a Mandello. La denominazione scelta è dunque “AbilMente Odv-Onlus”.
L’idea del cambiamento era nata già nel precedente consiglio direttivo, ma era stata provvisoriamente accantonata per problemi di costi burocratici. In seguito l’attuale consiglio ha perseguito la strada del cambio di denominazione, auspicato in considerazione del fatto che il termine “handicappato” è ampiamente superato e usato spesso in senso dispregiativo e per dare dunque un’immagine più consona della disabilità nei nostri tempi.
“Per la scelta del nome e, di conseguenza, del nuovo logo - spiega il presidente Redaelli - è stato prezioso e insostituibile l’aiuto dei ragazzi del nostro istituto comprensivo “Alessandro Volta”. Gli alunni delle scuole medie di Mandello e Abbadia Lariana con notevole impegno hanno infatti aderito al bando appositamente indetto, producendo oltre duecento lavori nella ricerca di un nuovo logo e di un nuovo nome che rappresentasse in modo adeguato la disabilità”.
“La scelta del logo e del nome - aggiunge - è scaturita dall’unione di due lavori che la commissione giudicatrice, con le insegnanti dell’istituto, e il consiglio direttivo non senza difficoltà hanno ritenuto più significativo. Rifacendosi alla ben nota rappresentazione stilizzata dello smile e grazie alla fantasia e alla creatività dei ragazzi è così scaturito il nuovo logo, accompagnato dall’altrettanto significativo nome AbilMente”.
Va detto che i soci del Gruppo amici degli handicappati avevano approvato sempre in sede di assemblea sia la nuova denominazione sia il nuovo logo. Ora nell’assemblea straordinaria dei giorni scorsi è stata approvata all’unanimità, oltre alla modifica dello statuto prevista dalla legge per la riforma del Terzo settore, appunto anche quella del nome e del logo dell’associazione.
Ma cosa cambia rispetto al Gruppo amici degli handicappati? A rispondere è sempre il presidente: “Ci teniamo a riaffermarlo per evitare comunicazioni distorte. Non cambia nulla, ma proprio nulla, se non il nome e gli aspetti burocratici legati al cambiamento voluto come detto dalla nuova legge del Terzo settore. Pertanto, ringraziando tutti i volontari che da sempre collaborano con i “ragazzi” della Cooperativa “Incontro” e che sostengono a vario titolo la nostra associazione, auspichiamo di poter vedere con piacere nuovi volontari unirsi a quelli storici, così da ampliare ulteriormente la condivisione e la solidarietà”.
“Oggi più di ieri - conclude Piercarlo Redaelli - condividere un tratto di strada con qualcuno meno fortunato è un’opportunità da prendere in considerazione, senza bisogno di possedere speciali caratteristiche.”

1 commento:

  1. Il Direttivo e l'Assemblea hanno discusso già negli anni precedenti la modifica del nome dell'Associazione per adeguarlo alle richieste linguistiche nascenti dall'evolversi delle scienze umane in campo di diversità e inclusione. La scelta di fare realizzare il cambiamento agli studenti delle scuole medie, sicuramente ha avuto il pregio di fare conoscere anche ai più giovani e alle loro famiglie una realtà associativa che, per molti, forse, era sconosciuta o quasi. Il logo originario dell'associazione aveva però in sé un simbolismo forte e delicato allo stesso tempo, politicamente corretto (come si dice oggi). Simboleggiava la luce, la vita, il sostegno alla fragilità.

    RispondiElimina