lunedì 4 marzo 2019

“Carlo Salvi”, donato un automezzo al Comune di Garlate


Consegnata ad Astra cooperativa una Fiat Punto per il trasporto di persone con problemi di mobilità
“Carlo Salvi” inaugura l’anno dell’ottantesimo anniversario di fondazione con un’iniziativa benefica a favore di Garlate e della sua comunità.

A seguito del progetto “Solidarietà in movimento” patrocinato dal Comune e da Astra cooperativa, l’azienda ha contributo alla donazione ai Servizi sociali di un automezzo che consentirà il trasporto di persone con problemi di mobilità (con gli stessi scopi nel 2018 era stata effettuata una donazione nei confronti del Comune di Olginate).
Saranno in molti a poterne usufruire, viste le sempre crescenti richieste di trasporto che i Servizi sociali ricevono dai cittadini di Garlate.
Il mezzo è stato consegnato domenica 3 marzo: l’inaugurazione, che ha avuto luogo presso il Civico museo della seta, ha visto la presenza del sindaco, Giuseppe Conti, e dei responsabili dell’azienda Salvi che, come detto, hanno contribuito all’acquisto.
L’automezzo va a potenziare l’equipaggiamento in dotazione al Comune di Garlate per gestire al meglio i servizi sul territorio.
Il contributo per l’acquisto dell’automezzo a uso sociale è motivo di soddisfazione e orgoglio per tutta l’azienda. Trattare quotidianamente il tema dell’innovazione comporta inevitabilmente anche interrogarsi sulla responsabilità sociale. Questa attività è da inserirsi nel percorso di condivisione e sviluppo territoriale che è stato sempre principio guida della nostra realtà”, dichiara Germano Pandiani, chief operating officer della “Carlo Salvi Spa”.
La “Carlo Salvi” è un’azienda italiana specializzata nella produzione di speciali macchinari per lo stampaggio a freddo e semicaldo del filo.
Le stampatrici firmate “Carlo Salvi Spa”, vendute direttamente o tramite agenti e distributori autorizzati, sono utilizzate in tutto il mondo dai più noti produttori di elementi di fissaggio per il settore automobilistico, aeronautico ed elettronico.

Nessun commento:

Posta un commento