sabato 9 marzo 2019

L’addio di Mandello ad Antonio Balbiani. Aveva 87 anni

Fu pubblico amministratore. Appassionato di arte e archeologia, dedicò pubblicazioni e articoli alla storia del territorio lariano
Antonio Balbiani
(C.Bott.) E’ morto a Mandello il geometra Antonio Balbiani. Aveva 87 anni ed era nato a Dervio il 7 luglio 1931.
Titolare per anni di uno studio tecnico professionale, nel 1957 conseguì il titolo di scenografo presso l’Accademia delle Belle arti di Brera, in Milano, con una tesi sui costumi popolari del Lago di Como.
Diresse in quegli stessi anni i lavori di restauro della chiesa di San Giorgio in Varenna ed eseguì sul posto i rilievi finali per la pubblicazione sulla Rivista della Società archeologica comense.
Per sedici anni conservatore dei Musei civici di Lecco, diresse anche il Sistema museale della Comunità montana della Valsassina, Valvarrone, Val d’Esino e riviera.
Insegnò educazione artistica e svolse attività pittorica, grafica e costumistica.
Colloborò a riviste e giornali e pubblicò monografie di storia, architettura e arte.
Numerose sono per l’appunto i suoi scritti, così come gli articoli apparsi su riviste archeologiche. Tra gli altri quelli dedicati al mosaico romano di Lierna e alle tombe ritrovate nel Mandellasco nel 1957, alla chiesa di San Zenone e ai suoi affreschi l’anno successivo, al campanile romanico di Mandello sul finire degli anni Cinquanta e ai Maestri Comacini in Europa, con particolare riferimento all’architettura romanica comasca.
Poi ancora una dettagliata sintesi dei lavori di restauro della chiesa prepositurale di San Giorgio in Varenna e pubblicazioni sulle fortificazioni di Lecco, nel Mandellasco e in Valsassina e sulla Via Crucis del santuario della Beata Vergine del fiume a Mandello, oltre che sulla chiesa di Dervio dedicata ai santi Pietro e Paolo.
Antonio Balbiani fu anche tra i fondatori del Centro di cultura del Mandellasco, ospitato presso la sede della “Fondazione Ercole Carcano, di cui fu presidente per alcuni anni.
Ricoprì incarichi di ispettore onorario per il ministero dei Beni culturali e venne nominato consigliere onorario della Società archeologica comense per gli scavi archeologici eseguiti e per i suoi studi sul territorio del Lario.
Socio del Lions club Riviera del Lario, fu per anni pubblico amministratore a Mandello, eletto nelle liste della Democrazia Cristiana, e ricoprì la carica di assessore.
I funerali di Antonio Balbiani, che lascia i figli Tatiana e Ladislao e quattro adorati nipoti, si terranno lunedì 11 marzo alle ore 10 nella chiesa parrocchiale del Sacro Cuore a Mandello.


Nessun commento:

Posta un commento