venerdì 5 aprile 2019

Lecco piange Mario Balossi. “Grande lavoratore, sapeva trasmettere serenità”


Fu titolare in città con il fratello Felice di un’impresa edile all’interno della quale hanno operato anche i suoi tre figli maschi
Mario Balossi, 82 anni.
di Claudio Bottagisi
Quando si dice che intraprendenza, temperamento e determinazione possono anche essere sinonimi di dolcezza e serenità. E, insieme, di tenacia e spirito di sacrificio.
Intraprendenza, temperamento, tenacia e determinazione. E appunto dolcezza e serenità sono stati i tratti salienti di Mario Balossi, scomparso a Lecco all’età di 82 anni (avrebbe compiuto gli 83 il prossimo 1° ottobre).
Il suo nome e la sua attività imprenditoriale si legano all’impresa edile Mario e Felice Balossi, che ha sempre operato in città dapprima in via Maroncelli, in rione Belledo, quindi in via Caduti lecchesi a Fossoli.
Un’impresa avviata proprio da Mario, originario di Calolziocorte, e appunto da Felice, suo fratello minore, e all’interno della quale hanno lavorato anche i tre figli maschi Natale, architetto di professione, Raffaele e Marco.
Un’impresa costruita, è il caso di dirlo, sul coraggio e, come detto, sulla determinazione di Mario e Felice.
Chi ha conosciuto Mario Balossi lo ricorda grande e instancabile lavoratore. Una vita spesa per la professione edile, la sua, sempre guardando avanti e con la capacità di non fermarsi neppure davanti agli ostacoli più difficili e alle prove più impegnative.
Natale, Raffaele e Marco, si è detto, sono i tre figli di maschi di Mario Balossi, padre anche di Giovanna, la primogenita, e di Maria Teresa.
“Ci ha insegnato l’arte del sacrificio e della tenacia”, ricorda Natale, il figlio secondogenito, che di papà aggiunge: “Aveva una spiccata personalità e sapeva trasmettere a chi gli era accanto, fosse in famiglia o sul luogo di lavoro, tranquillità e serenità. Chi l’ha conosciuto ricorderà altresì la sua affabilità e il suo sguardo dolce, che ora già ci manca e che mancherà a molti”.
Oltre ai figli, a piangere Mario Balossi è sua moglie Giuseppina, sempre amorevolmente vicina al marito anche nel periodo della malattia, e i suoi dieci adorati nipoti. Anche e soprattutto per loro un’autentica lezione di stile e di vita, quella di nonno Mario. Una lezione da non dimenticare.
I funerali di Mario Balossi si svolgeranno domani, sabato 6 aprile, alle ore 14.30 nella chiesa di Belledo. Quindi il trasferimento al cimitero di Castello per la sepoltura.

Nessun commento:

Posta un commento