lunedì 11 marzo 2019

Lierna. La voce dei 5 Stelle su Tav, pensioni e reddito di cittadinanza


A Lierna serata in sala civica, lo scorso venerdì 8 marzo, per discutere con i pentastellati sul tema “Governo del cambiamento. A che punto siamo?”. Una trentina le persone intervenute, con gli ospiti che hanno affrontato vari argomenti.

Giovanni Currò, deputato e componente della Commissione finanze della Camera, ha parlato della legge finanziaria e dei lavori in corso per migliorare la fatturazione elettronica, mentre la senatrice Alessandra Riccardi, della Commissione giustizia, si è soffermata sulla riforma delle carceri e sui progetti per contrastare il gioco d’azzardo. Simona Nocerino, senatrice e componente della Commissione lavoro, ha parlato di pensioni e inevitabilmente di “quota 100” e ha illustrato il disegno di legge che prevede il versamento dei contributi figurativi da parte dello Stato a favore di tutti coloro i quali, occupandosi in casa di un familiare disabile, sono impossibilitati a svolgere un’attività lavorativa e in tal modo avranno diritto a una pensione.
Eleonora Evi, europarlamentare - Gruppo EFDD, ha spiegato il funzionamento del Parlamento europeo e parlato della necessità di una costante vigilanza sull’operato delle lobby, “che - ha detto - hanno una forte influenza grazie al numero delle organizzazioni presenti”.
Su richiesta del pubblico i politici intervenuti all’incontro hanno affrontato anche il nodo Tav, come già detto “quota 100” e il reddito di cittadinanza.
“Ha sorpreso i presenti - afferma Francesca Toscano, attivista del Movimento 5 Stelle di Lierna promotrice della serata - la considerazione riguardante la Tav secondo cui, con lo studio dei costi e dei benefici, all’interno del traforo di circa 57 chilometri vi è una temperatura permanente di 50° che comporta costi fissi di gestione elevati per il solo raffrescamento”.

Nessun commento:

Posta un commento