mercoledì 26 giugno 2019

“583 giorni di me”. Gianluca Limonta in mostra a Campofiorenzo di Casatenovo


La denominazione della mostra è “583 giorni di me” e l’esposizione darà a quanti vorranno visitarla, certamente anche incuriositi dal titolo, l’opportunità di conoscere l’arte e la personalità di Gianluca Limonta.
Saranno infatti, quelli da venerdì 28 a domenica 30 giugno, tre giorni di autentica immersione nella mente e nella casa di questo artista.
Sede della mostra sarà la corte di Campofiorenzo, a Casatenovo, in via Frazione Campofiorenzo 34.
L’esposizione, il cui vernissage è previsto per venerdì alle 18.30, potrà essere visitata sia sabato 29 sia domenica 30 dalle ore 10 alle 13 e dalle 17 alle 21.
“583 giorni di me” non è una mostra a tema, ma racconta i passi di Limonta nel mondo dell’arte contemporanea. 583 sono i giorni di ricerca continua che vedono l’artista annullarsi dal mondo esterno per vivere una travolgente esperienza con l’arte.
583 sono i giorni passati a indagare la bellezza della materia pittorica e le molteplici sperimentazioni che ne derivano.
Numerose saranno le opere esposte in questa originale cornice che non poteva non essere l’abitazione di Gianluca. Un evento unico, che mette in risalto l’iter creativo di un artista capace di distinguersi rispetto ai maestri del passato per l’insistente varietà di generi, materiali e supporti che caratterizzano la sua produzione artistica.
Qual è dunque il messaggio che Limonta vuol dare con questa mostra? Credere nei propri sogni e mostrare che solamente alzandosi da una sedia è possibile concretizzare quella che fino a un istante prima era soltanto un’aspirazione.
Gianluca Limonta nasce a Lecco nell’ottobre 1968. Artigiano per passione, opera nel settore edile della ristrutturazione d’interni.
Da sempre appassionato di fotografia, lavora agli inizi della carriera nella ricerca e nella sperimentazione delle peculiarità delle istantanee, utilizzando carte pregiate per dar valore aggiunto al risultato finale.
Il passaggio alla pittura è dietro l’angolo. Le varie sperimentazioni lo incuriosiscono al punto da iniziare a manipolare la materia direttamente con le sue mani.
Tra il 2017 e il 2018 Limonta si dedica alle sue creazioni, giungendo a realizzare un numero esponenziale di opere tutte accomunate dalla ricerca di supporti particolari e tecniche originali.
Gianluca Limonta lavora nel suo studio a Casatenovo, sede appunto della prima personale dell’artista, che si terrà come detto a partire da venerdì prossimo.

1 commento: