lunedì 24 giugno 2019

Mandello, il rock della Prs piace. E la Festa della musica lancia i giovanissimi


Alla Festa della musica di venerdì 21 giugno la loro postazione era la numero 14, nel rione mandellese di Molina. In considerazione delle previsioni meteo non del tutto tranquillizzanti, la Project rock school aveva però deciso di aprire al pubblico le porte dell’edificio ex scuola elementare e di allestire un palco per i musicisti presso la sala prove dello stabile che accoglie la sede della scuola comunale di musica.
“Alcuni visitatori hanno apprezzato la qualità della sede - osserva Stefano Marzocchi, responsabile della Prs - allestita in intimità musicale e hanno ascoltato gli artisti in un ambiente più ristretto rispetto alla location esterna ma decisamente idoneo per le caratteristiche di insonorizzazione di cui è dotata la sala prove”.
La serata è stata aperta dalle allieve di pianoforte del docente Vincenzo D’Angelo. A esibirsi sono state Elena Lattuada, Michela Gianola e Federica Conca (quest’ultima ha suonato e interpretato When i was your man di Bruno Mars).
Si è poi esibita la band “7 Rainbow” di cui fanno parte Ludovica Corti, Gioele Volpe, Caterina Azzoni, Eleonora Corti e Stefano Lattuada. Il gruppo ha proposto il proprio repertorio pop-rock dimostrando, nonostante la giovane età dei componenti (tra i 10 e i 14 anni), di avere talento e determinazione, in definitiva belle prospettive musicali di gruppo.
In chiusura della piacevolissima serata si è esibito il docente Franco Giaffreda alla voce-chitarra, con la sua band composta da Walter Rivolta alla batteria e Andrea Papini al basso.
Superlativa anche l’esibizione del trio di Franco Giaffreda, che ha presentato l’ultimo Cd dal titolo “Gli strani giorni di noi nessuno”, di cui Giaffreda stesso è autore.
Per i presenti è stata una grande emozione gustare l’ottima musica proposta, certamente per la qualità sonora ma più ancora per le capacità tecniche professionali degli artisti.
La miscela esplosiva di virtuosismi ha toccato il culmine con i brani di Jimi Hendrix Fire, dei Deep Purple Highway Star, dei Led Zeppelin Whole Lotta Love e di Lenny Kravitz Are you gonna go my way, che hanno indotto il pubblico ad applaudire con vigore e entusiasmo.
Per gli amanti del rock quella dello scorso venerdì è stata insomma una serata speciale, targata Prs.
“Le band che si sono formate in questi anni all’interno dei percorsi formativi della Project - osserva sempre Marzocchi - possono contare su docenti di eccellente livello musicale e non a caso i laboratori musicali sono particolarmente richiesti in varie esibizioni locali. Va detto che in questi ultimi nove mesi di attività, la Prs ha portato i propri allievi a ben 12 eventi di rilievo”.
Ricordiamo allora le prossime date: il 28 giugno a Bellano allo “Street food”, il 30 giugno a Barzio al Festival internazionale del folk, il 6 luglio a Molteno per la Notte bianca, il 27 luglio ancora a Bellano per la festa del patrono. Altre uscite verranno programmate in settembre.
“Ringrazio gli organizzatori della Festa della musica - conclude il responsabile della Prs - per aver dato questa bella opportunità ai nostri giovanissimi artisti, così come il nostro grazie va a Franco, Walter e Andrea per la loro grande prestazione e soprattutto per l’umiltà con cui si sono proposti nei confronti dei giovani musicisti presenti in sala, facendo comprendere il valore della bella musica proposta dal vivo senza divismi o protagonismi eccessivi”.

Nessun commento:

Posta un commento