venerdì 21 giugno 2019

Filatoio Monti e museo Guzzi. Pomeriggio ad Abbadia e a Mandello per 30 alunni di Hong Kong

Alunni e docenti davanti al Civico museo setificio Monti di Abbadia Lariana.
(C.Bott.) Pomeriggio sul lago per i trenta alunni della Shatin Tsung Tsin School di Hong Kong dallo scorso fine settimana in Italia con cinque loro docenti per un viaggio all’insegna dell’arte, della cultura e delle tradizioni del Belpaese.
Dopo aver sostato in mattinata Lecco e avere visitato nel capoluogo lariano Palazzo Belgiojoso e la Basilica di San Nicolò, i giovanissimi ed educatissimi allievi, di età compresa tra i 9 e i 12 anni, hanno raggiunto poco dopo le 14 il Civico museo setificio Monti di Abbadia Lariana. A dare loro il benvenuto anche il nuovo sindaco, Roberto Azzoni.
Suddivisi in due gruppi, gli alunni hanno visitato la storica struttura, interessante testimonianza dell’antica lavorazione della seta. Grande curiosità ha destato in particolare, all’interno del filatoio del 1800, il torcitoio circolare, autentico gioiello di archeologia industriale.
Altrettanto interessante la successiva visita al museo storico della Moto Guzzi a Mandello, nel cuore della fabbrica che ha visto nascere il mito dell’Aquila.
Dopo la fotografia di gruppo davanti al mitico cancello rosso, all’ingresso della fabbrica, i giovanissimi visitatori hanno così ripercorso - attraverso le motociclette esposte appunto nel museo - la storia quasi centenaria dell’azienda, dai prototipi fino ai modelli di più recente produzione.
Foto di gruppo all'ingresso della Moto Guzzi a Mandello.
Quindi il ritorno ad Abbadia, dove gli allievi di quarta e quinta elementare e della classe equivalente alla nostra prima della scuola secondaria di primo grado si sono resi protagonisti di un workshop destinato a sfociare nella realizzazione di un mosaico.
Il sindaco di Abbadia, Roberto Azzoni, con Elia Astorino, docente e cantante lirico.

Nessun commento:

Posta un commento