sabato 1 giugno 2019

Missaglia in Veneto: “Mangiare sano? Fondamentale l’alimentazione dell’animale”


A Stra, comune della città metropolitana di Venezia, nella prestigiosa sede di Villa Foscarini Rossi si è tenuta la prima edizione del convegno “Open farm: noi siamo quello che mangiamo”, occasione per mettere a confronto diverse professionalità in tema di cibo: agricoltori, allevatori e produttori di eccellenze gastronomiche come il parmigiano reggiano.
Grande interesse  ha suscitato l’intervento del dottor Marco Missaglia, specialista in Scienza dell’alimentazione, il quale ha spiegato come la corretta nutrizione dell’animale possa comportare vantaggi sulle qualità nutrizionali dei prodotti ottenuti.
Lo specialista mandellese ha anche affrontato il tema dell’impatto sulla nostra salute dei cibi di origine animale e sull’utilità di una dieta equilibrata ricca di fibre e di antiossidanti ottenuti dalla verdura e dalla frutta, “che - ha raccomandato - non devono mai mancare sulla nostra tavola”.
Luigi Forte, imprenditore agricolo, ha spiegato l’importanza della filiera di qualità e illustrato i benefìci dell’erba medica per la nutrizione degli animali.
Gli ha fatto eco Giuseppe Palosti, allevatore di Codogno, nel Lodigiano, da sempre impegnato nella divulgazione scientifica.
I docenti e gli alunni dell’Istituto agrario e alberghiero hanno quindi proposto un’interessante apericena con i prodotti ottenuti dalla filiera controllata.
“L’alimentazione animale di qualità, ricca di elementi importanti con il betacarotene, ad azione antiossidante - ha affermato il dottor Missaglia - può divenire quindi il primo anello di un benessere dell’animale stesso che comporta una produzione di qualità, indispensabile per garantire al nostro organismo l’introduzione di tutti i princìpi nutrizionali che concorrono per aiutarci a mantenere uno stato di salute che non prescinda dalla possibilità di mangiare di tutto, purché di qualità e nelle giuste proporzioni” .
Questa è stata anche la filosofia dell’evento, che ha messo d’accordo agricoltori, allevatori e produttori con la scienza medica.

Nessun commento:

Posta un commento