lunedì 6 gennaio 2020

I Magi ad Abbadia Lariana. “Ricalchiamo le loro orme, andiamo a cercare Dio”

(C.Bott.) Una festa nel segno dei Magi, giunti oggi pomeriggio ad Abbadia Lariana a bordo di una “Lucia”, la più caratteristica tra le barche lariane. Una festa tradizionale e al tempo stesso con l’apprezzata novità appunto dell’arrivo dal lago dei tre Re, che poi sul sagrato della parrocchiale hanno distribuito doni e caramelle ai più piccoli.
Dentro la chiesa di San Lorenzo la benedizione dei bambini e a seguire, in oratorio, la tombola per grandi e piccoli.
E, dentro la festa, il messaggio del parroco, la sua sollecitazione a imitare i Magi, “personaggi facoltosi che si sono messi in movimento perché hanno visto spuntare la stella del re dei Giudei”.
“Camminano e cercano - ha detto don Fabio - e quando, finalmente, trovano Gesù è una felicità indescrivibile”. E allora “ricalchiamo le orme degli incolti, umili pecorai, o dei sapienti, nobili re dell’Oriente. Due opposte figure umane accomunate da un’unica volontà: cercare e trovare Dio”.
E ancora: “Il Dio-bambino vuol “crescere” nella nostra anima, nella nostra mente, nella nostra vita. Vuole dialogare con noi. Vogliamo allora attivarci? Ci mettiamo “in movimento”? Desideriamo davvero conoscere Cristo?”. E una sollecitazione: “Proviamoci”.

Nessun commento:

Posta un commento