mercoledì 22 gennaio 2020

L’architetto Mario Botta sabato 25 a Bellano per “Il bello dell’Orrido”

L'architetto Mario Botta con il pittore bellanese Giancarlo Vitali.
“Il bello dell’Orrido”, serie di incontri con gli autori iniziata lo scorso mese di settembre, prosegue a Bellano anche per il 2020. Ideata da Armando Besio, l’iniziativa è organizzata da “ArchiViVitali”, in collaborazione con il Comune.
La rassegna, dopo aver raccolto il plauso del pubblico grazie alla presenza di Stefano Zuffi, Cristina Dell’Acqua, Joele Dix, Mauro Novelli e Giorgio Teruzzi, prosegue con altri cinque incontri.
Si inizierà sabato 25 gennaio con Mario Botta, architetto svizzero di fama internazionale, vincitore di numerosi e prestigiosi riconoscimenti tra cui il Premio europeo per la cultura (1995), il Merit award for excellence in design by the AIA (1996) e l’Annual international design art achievment award (2014).
Botta è legato a Bellano in virtù dell’amicizia con il pittore Giancarlo Vitali, del quale aveva curato l’allestimento della mostra “Ritratti di pollame, carne, rose e girasoli” alla “Casa dei costruttori” di Lecco.
L’incontro, che si terrà presso la sala del cinema con inizio alle ore 18 (ingresso libero), ha per titolo “Sacro e profano nella mia architettura” e si concentrerà proprio sull’analisi di alcuni edifici sacri e altri “profani”, dei quali verranno proiettate le immagini. Tra questi le chiese di Mogno e Monte Tamaro (entrambe in Canton Ticino) e quella di Seriate (Bergamo), la cappella di Granato (Austria) e la chiesa di San Rocco a Sambuceto (Chieti).
Poi ancora la scuola di Morbio inferiore (Canton Ticino), il Museo di arte moderna e contemporanea di Rovereto, l’Hotel Twelve di Shangai, il rifugio Fiore di pietra (Monte Generoso, Canton Ticino) e il Teatro dell’architettura di Mendrisio, progetto donato dall’architetto all’Accademia di architettura da lui fondata.
“Costruire - ha scritto Mario Botta - è di per sé un atto sacro, un’azione che trasforma una condizione di natura in una condizione di cultura”.

Nessun commento:

Posta un commento