mercoledì 11 dicembre 2019

“Santa Giovanna Antida” e il presepe, piccoli e grandi in cammino verso la grotta

Erano i primi giorni di dicembre e anche se all’allestimento mancava ancora qualche dettaglio erano in molti i genitori e i passanti stupiti per il presepe collocato in via Manzoni all’esterno dell’Istituto scolastico “Santa Giovanna Antida” di Mandello.
La vivacità dell’opera dei bimbi, che hanno trasformato piccoli sassi in personaggi, è certamente il primo elemento che balza all’occhio in quanti si fermano ad ammirare anche in questi giorni quel presepe, oltre alla constatazione che la tecnica utilizzata dai bambini delle varie età che frequentano la scuola è stata reinterpretata da ciascuno in base alle capacità personali.
In quello scenario si può però anche cogliere il valore dell’andare “tutti insieme” alla grotta. Tutti i bimbi - piccolissimi, piccoli e grandi - ma con loro anche tutte le persone che, fermandosi per ammirare il presepe, sono invitati a mettersi sullo stesso cammino.
Il valore del dono del Signore che si rinnova di anno in anno si intreccia con quello del sentirsi insieme alle persone care, con le quali si entra non soltanto nella tradizione ma nel senso più autentico della festa del Natale.
Ma il presepe dell’istituto “Santa Giovanna Antida” è altresì un segno di quanto possa fare la collaborazione, di quanto si possa andare lontano se c’è sinergia tra gli insegnanti che hanno progettato e messo a punto l’idea, i bambini che l’hanno accolta con entusiasmo e i genitori che hanno lavorato per risolvere i problemi riguardanti la realizzazione complessiva del presepe.
“Grazie a tutti loro - è il messaggio finale dell’istituto scolastico mandellese - per questo grande dono”.

Nessun commento:

Posta un commento