martedì 24 settembre 2019

“Cybermondo - Nessuno è al sicuro”. Giovedì 26 settembre se ne parla a Mandello

(C.Bott.) Assessorato alla Cultura e Punto giovani di Mandello insieme per parlare di cybermondo, il labirinto digitale da cui nessuno può dirsi al sicuro. Un evento di formazione (e informazione) per la tutela dell’identità digitale e per conoscere i rischi associati al web e alle varie reti sociali.
L’appuntamento è per giovedì 26 settembre alle 20.45 in sala consiliare, in piazza Leonardo da Vinci.
“Cybermondo - Nessuno è al sicuro” l’emblematico titolo dell’incontro, che sarà tenuto da Giordana Bonacina, formatrice in tema di sicurezza nel web e per la prevenzione dalla dipendenza da smartphone.
Si parlerà di come salvaguardare la propria reputazione digitale e di come utilizzare i social in maniera adeguata, attraverso una serie di esempi. Si parlerà altresì della cosiddetta gogna mediatica, di body shaming (derisione del corpo), hate speech (incitamento all’odio) e di tutte le scellerate pratiche appunto di odio online che rischiano di rovinare la vita di una persona.
“Tratteremo di cyberbullismo - osserva Giordana Bonacina - e di come difendere i più giovani dalle insidie della rete. Parleremo di cybercrime, nello specifico dei crimini informatici che possono coinvolgere i comuni utenti del web: dal phishing (tipo di truffa messa in atto su Internet attraverso la quale un malintenzionato cerca di ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso) ai ransomeware (tipo di malware che limita l’accesso del dispositivo che infetta, richiedendo un riscatto da pagare per rimuovere la limitazione) fino alle truffe sentimentali”.
Giordana Bonacina è docente Miur e volontaria di Protezione civile A2A. E’ in possesso di formazione e certificazione europea Eipass per quanto riguarda cybercrime, It security, informatica giuridica e Social media management.
E’ inoltre la referente dell’istituto scolastico comprensivo di Bellano per la lotta al cyberbullismo.

Nessun commento:

Posta un commento