mercoledì 11 settembre 2019

Vela. A Colico dal 13 al 15 settembre il campionato italiano della classe H22

Da venerdì 13 a domenica 15 settembre il circolo velico Geas Nbc Vela Colico (www.geasnbc.it), già organizzatore lo scorso mese di luglio del campionato mondiale della classe Vaurien, ospiterà il campionato italiano della classe H22.
L’H22 è un veloce “monotipo”: imbarcazioni tutte uguali che si confrontano quindi sulle abilità degli equipaggi.
Maneggevole e veloce anche grazie alla presenza di una vela di prua - il gennaker - dalle dimensioni generose, dal dislocamento ridotto (770 chili) e facilmente trasportabile in virtù della deriva sollevabile, si arma in 20 minuti ed è omologato per trasportare fino a 5 persone. Tutte queste caratteristiche contribuiscono alla forte espansione della classe, in particolare sul nostro lago.
Ad oggi sono iscritte sedici barche, che saranno ospitate presso il Marina Nausika per tre giorni di regate serratissime nelle acque antistanti Colico.
E’ certa la presenza su ITA 119 “Adrenalina” (campione italiano nelle acque di Valmadrera nel 2017), quale tattico, del presidente della XV Zona FIV, Fabio Mazzoni, ed è stato annunciato che domenica a premiare i vincitori sarà l’olimpionico pluricampione di vela, il brasiliano Torben Grael (5 medaglie olimpiche e un infinito palmarès), più volte tattico sugli H22, oltre che presidente della fondazione Projeto Grael che promuove una raccolta di fondi con una destinazione ben precisa: attiva dal 1998, ha aiutato già 15.000 bambini fornendo istruzione e iniziandoli alla vela e al mondo del lavoro.
Durante l’evento sarà inoltre allestito in piazza Garibaldi, sempre a Colico e grazie alla collaborazione del Comune e della Pro loco, un gazebo per la promozione di PlastiRightWay, un progetto di economia circolare del Pet, promosso dalla Classe H22, che si occupa di raccogliere nel giusto modo le bottiglie d’acqua utilizzate durante le regate e verificare che seguano il percorso più breve per essere riciclate e trasformate in materia prima utile a produrre nuovi prodotti.
Durante il campionato, presso il gazebo saranno posizionati i WAY-bin, speciali cestini di raccolta nei quali i regatanti ma anche il pubblico in piazza sarà invitato a gettare le bottiglie in plastica Pet.
La legge dei velisti, ovvero il regolamento di regata, contiene istruzioni che tutte le federazioni nazionali e i circoli affiliati sono obbligati a rispettare al fine dell’organizzazione di un evento.
Tale regolamento tra i suoi princìpi di base riporta il paragrafo “Responsabilità ambientale” che enuncia testualmente: “I partecipanti (alla regata, ndr) sono incoraggiati a limitare qualsiasi impatto ambientale negativo causato dallo sport della vela”.
Non solo vela, quindi, ma anche impegno sociale di uno sport che fa dell’ambiente e del suo rispetto un punto di riferimento imprescindibile.

Nessun commento:

Posta un commento