domenica 14 giugno 2020

Mandello calcio. Dopo l’allenatore, ecco i primi acquisti. Arrivano Coulibaly e Botti

Lorenzo Botti e Momo Coulibaly, primi nuovi acquisti del Mandello.
Non ha pensato soltanto al nuovo allenatore, come riferito ieri, la sezione calcio della Polisportiva Mandello in vista della stagione 2020-2021. Il direttore sportivo Fabio Bartesaghi, in sintonia con lo staff tecnico della società, non intende infatti fermarsi e dopo l’annuncio dell’arrivo di Claudio Sesti - che sarà affiancato in panchina dal secondo allenatore, il civatese Riccardo Frigerio (per lui una significativa esperienza nei campionati di serie D e Eccellenza), e dal preparatore dei portieri Gianfranco Rota di Lecco - la società rivierasca ufficializza già l’arrivo di due giocatori.
“L’abbiamo affermato più volte - dice il ds Bartesaghi- che Mandello è una piazza importante, non soltanto del calcio lecchese ma anche a livello regionale. La società vuol crescere e tornare ad alti livelli. Nessuno ci regala niente, ma grazie all’apporto dello staff tecnico e dirigenziale del Mandello calcio, si sta cercando di costruire un progetto importante, senza dimenticarci del nostro vivaio”.
Conosciamo allora i due nuovi innesti. Momo Coulibaly, nato in Costa d’Avorio (dove ha giocato fino alla Prima categoria) e arrivato in Italia nel 2015, fisico possente, è nato il 13 dicembre 1998 e risiede a Lecco.
“Ho giocato nel Vercurago ma ho all’attivo soprattutto l’esperienza con la ColicoDerviese in Promozione - dice Momo - che mi è servita per crescere sotto ogni punto di vista. Non ho mai perso una partita, amo il calcio e sono una persona che lotta sempre in campo. Sono un calciatore… alla Gattuso”.
Il centrocampista della Costa d’Avorio è pronto a dare il suo contributo: “Sono determinato e convinto della mia scelta. Tra l’altro conosco già qualche giocatore del Mandello. Sono in una società seria, che vuol crescere e in essa mi rispecchio benissimo”.
Carattere più schivo ma con un’ottima visione di gioco e un buon tocco di palla è invece Lorenzo Botti, giovane calciatore di Lecco, nato l’1 giugno 2000, con esperienze alla Rovinata, all’Arcadia e all’Ac Victoria.
“Conosco bene il nuovo mister, conosco il ds Bartesaghi, conosco la realtà mandellese. Posso dire che sono a casa mia? Non vedo l’ora di iniziare e di dare il mio contributo. Conosco la realtà della categoria - conclude l’esterno lecchese - e sono a disposizione del tecnico Sesti per diventare un giocatore importante per il suo progetto e naturalmente per quello del Mandello calcio”.

Nessun commento:

Posta un commento