giovedì 20 febbraio 2020

Mandello e l’associazione “Aiuti Terzo mondo”. Cena, testimonianze e tombola al “Sacro Cuore”

Sabato sera appuntamento in oratorio per contribuire all’acquisto di nuove sedie e sdraio per il centro di accoglienza “La Sonrisa” di Santa Cruz in Bolivia
(C.Bott.) Divertirsi e trascorrere momenti spensierati può voler dire anche fare solidarietà e condividere in modo concreto l’operato di chi si batte per i più poveri e i più deboli.
Una dimostrazione in questo senso la darà nel prossimo fine settimana il Gruppo missionario “Grigne” del vicariato di Mandello, che propone per sabato 22 febbraio una serata conviviale a favore dell’associazione “Aiuti Terzo mondo Onlus”.
Il programma prevede alle 19.30 una cena semplice presso l’oratorio “Sacro Cuore”, che sarà seguita da alcune testimonianze sull’operato e sulle iniziative della stessa associazione e da una tombola.
Le offerte raccolte durante la serata contribuiranno all’acquisto di nuove sedie e sdraio per il centro di accoglienza “La Sonrisa” di Santa Cruz in Bolivia.
Primo obiettivo di questo centro è accogliere donne e bimbi spesso vittime di violenza (in taluni casi familiari) o che provengono da situazioni di degrado e abbandono, ma anche curare vari problemi di salute e rispondere alle emergenze offrendo un letto, un pasto e assistenza sanitaria di base.
Le donne, spesso ragazze-madri, seguono un percorso di due anni e durante la permanenza al centro vengono curate, sostenute dal punto di vista psicologico e indirizzate verso attività volte in primo luogo ad aumentare la loro fiducia e autostima e in secondo luogo ad avviarle a una professione che consentirà loro di essere autonome al di fuori della struttura.
All’interno del Centro prestano servizio un’assistente sociale, che segue le procedure del rilascio dei documenti di identità e le pratiche burocratiche, una psicologa, che interviene nel caso di  traumi  e  nella relazione madre-figlio, e le educatrici (che controllano i bambini quando le madri sono occupate in altre attività, li aiutano nello svolgimento dei compiti scolastici, cercando di colmare lacune e insegnare un metodo di studio), oltre all’insegnante per l’alfabetizzazione delle donne e a una professoressa di taglio e cucito che insegna una professione e a eseguire piccoli lavori personali
Vi è poi un pediatra, che  garantisce un adeguato controllo della salute e della crescita soprattutto nei casi più severi di malnutrizione o malattie gravi, e periodicamente  un dentista, che  oltre a risolvere le urgenze e i problemi dovuti alle carie, sta facendo prevenzione e educa a una corretta igiene orale.
Le attività che le donne possono frequentare sono principalmente i corsi di sartoria e di candele, a cui si alternano sempre nuove iniziative tra cui il riciclaggio della carta, bigiotteria etnica, elaborazioni di borsette, cappelli e ceste di paglia.
Le prenotazioni per la cena di sabato 22 al “Sacro Cuore” si ricevono telefonando a Luisa oppure a Beppe, rispettivamente a questi recapiti: 339-42.81.252 e 335-82.27.434.

Nessun commento:

Posta un commento