domenica 8 settembre 2019

Mandello. Sul motoraduno internazionale si spengono le luci dei riflettori

Ultimo atto della “tre giorni” l’estrazione dei biglietti della lotteria. Il commosso ricordo di Mariella Alippi, anima del Gal
Claudio Torri estrae il biglietto vincente della lotteria del motoraduno di Mandello.
(C.Bott.) Si spengono le luci dei riflettori sull’edizione 2019 del motoraduno internazionale. L’ultimo atto è stato rappresentato, intorno alle 12.30, dall’estrazione dei quattro biglietti vincenti della lotteria che assegnava - nell’ordine dal primo al quarto - una Guzzi V85 TT, un viaggio di nove giorni (per due persone) a Playa Maroma in Messico, un motoairbag V0 e un tour in mongolfiera.
L’estrazione è stata preceduta dal saluto del sindaco. Riccardo Fasoli ha ringraziato tutti coloro i quali hanno concorso alla buona riuscita della “tre giorni” motoristica, a partire da Acel Energie, main sponsor dell’evento, rappresentata a Mandello dal suo presidente Giovanni Priore. A lui è tra l’altro spettato il compito di estrarre i biglietti abbinati al secondo, terzo e quarto premio.
L’estrazione del biglietto vincente è stata affidata invece a Claudio Torri, unico pilota ad aver portato una Guzzi (tra l’altro per ben quattro volte) a gareggiare nella mitica Parigi-Dakar.
Toccante il momento in cui il primo cittadino ha ricordato e onorato la memoria di Mariella Alippi, scomparsa lo scorso mese di agosto all’età di 50 anni, anima del Gruppo amici di Luzzeno (all’associazione era affidata la gestione, come sempre impeccabile, del servizio cucina in piazza Mercato) e colonna portante di ogni edizione del motoraduno.
La Guzzi V85 TT, primo premio della lotteria.
Quindi il via all’estrazione, con il primo premio vinto dal possessore del biglietto numero 10.738. Il secondo, terzo e quarto premio, nell’ordine, erano abbinati ai numeri 567, 94 e 9.320. 14.892, per la cronaca, i biglietti venduti.
Fin d’ora l’appuntamento con il motoraduno di Mandello è per il 2020, nei giorni 11, 12 e 13 settembre.
Mariella Alippi, anima del Gal Luzzeno.

Nessun commento:

Posta un commento