venerdì 27 marzo 2020

Addio “Bundi”, pilota e campione della Guzzi. Il motociclismo lo piange

Il Comitato motoraduno internazionale scrive: “Ci hai fatto sognare nei mitici anni Settanta. Insieme a Raimondo Riva, Guido Mandracci e ai fratelli Brambilla, con le Guzzi V7 Sport eravate temibili in tutti i circuiti dell’Endurance”
(C.Bott.) Un lutto per Sondrio e per la Valtellina ma più in generale un lutto per la Guzzi e per il mondo del motociclismo. Alla soglia degli 81 anni (li avrebbe compiuti il prossimo mese di aprile) è morto Abbondio Sciaresa, per tutti il “Bundi”.
Indimenticato campione delle “due ruote” nei primi anni Settanta, abitava a Triasso, frazione del capoluogo valtellinese. Lascia la moglie Cornelia, i figli Patrizia e Silvio, la sorella Lucilla e il fratello Giuliano.
Una scomparsa dolorosa e inaspettata, quella di Sciaresa. “Soltanto una decina di giorni fa - ricorda la moglie - Abbondio ha accusato uno stato di malessere. Poi è sopraggiunta la febbre, quindi il ricovero all’ospedale di Sondalo. E purtroppo negli ultimi giorni le sue condizioni erano peggiorate”.
“Aveva un carattere forte - dice sempre la compagna della sua vita - ma era una persona riservata, con un grande legame verso la Guzzi e il mondo dei motori e ora lui mancherà non soltanto a chi gli ha voluto bene ma anche a tutti gli appassionati”.
Dopo aver lasciato le gare, la passione del “Bundi” per il motociclismo non era in effetti mai venuta meno e lo portava a partecipare a vari motoraduni.
Forte era stato anche il suo legame con Roberto Patrignani, considerato tra l’altro che il periodo d’oro della sua carriera agonistica era coinciso con gli anni in cui il giornalista, scrittore e pilota nativo di Firenze ma mandellese d’adozione, scomparso nel gennaio 2008, era direttore sportivo della Casa dell’Aquila, oltre che responsabile delle pubbliche relazioni.
In queste ore il Comitato motoraduno internazionale, che ogni settembre organizza il grande appuntamento che richiama a Mandello migliaia di appassionati, ha voluto salutare Abbondio Sciaresa con questo messaggio: “Ciao “Bundi”, ci hai fatto sognare nei mitici anni Settanta. Insieme a Raimondo Riva, Guido Mandracci e ai fratelli Brambilla, con le Guzzi V7 Sport eravate temibili in tutti i circuiti dell’Endurance. Grazie ancora per quella grande vittoria a Monza nel ‘74, assieme a Raimondo. Eri tranquillo e riservato, ma pestavi dei gran piegoni in pista e quanta “paga” davi a tutti nelle valli sopra Sondrio. Ciao Abbondio, grande campione della Guzzi”.
E sulla pagina Facebook del Moto Guzzi world club un appassionato scrive: “Era tanto che volevo parlargli per farmi raccontare del Bol d’Or. Ne condivido un ricordo raccontatomi da Bruno Scola. Erano a Le Mans per il Bol d’Or del 1972. Abbondio era stato portato come pilota di riserva. In una sessione di prove del venerdì fu tirata fuori una V7 Sport 850 dell’anno prima (quella con il motore con le valvole piccole). Lui scese in pista e si mise a girare con gli stessi tempi dei piloti titolari. Mandracci si mise a mugugnare e pretese di farsi dare la sua moto per migliorare il suo tempo. Entrato in pista, però, non riusciva nemmeno ad avvicinare i tempi di Sciaresa e tirò talmente il collo a quel povero motore da romperlo. Per Abbondio fu una bella soddisfazione…”.

15 commenti:

  1. Uno dei tanti piloti lombardi che ha tenuto alto il nome della Moto Guzzi nei circuiti europei negli anni 70 R.I.P.

    RispondiElimina
  2. Condoglianze alla famiglia e un grazie per aver portato il nome guzzi e dell'Italia in giro per i circuiti del mondo.

    RispondiElimina
  3. Sono un guzzista friulano permettetemi un saluto al sign. Abbondio ciaomandi RIP.

    RispondiElimina
  4. Sono un giovane guzzista campano, un saluto al sig Abbondio

    RispondiElimina
  5. Sono nato in Umbria e, per lavoro,come motociclista
    della POLSTRADA.potrei scrivere nato a cavallo delle Moto Guzzi..Condoglianze alla Famiglia.R.I.P.Abbondio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moto Guzzi e Abbondio Sciaresa....chi non se lo ricorda? Mi dispiace tanto...Per anni mi sono chiesto ...ma perche' le Bmw al posto delle Guzzi nei corpi dello stato??

      Elimina
    2. Leggi europee e accordi europei impongono questo ,difatti usano automobili tedesche ...il resto ti lascio riflettere da solo

      Elimina
  6. Grazie Abbondio Sciaresa i guzzisti di Bergamo ringraziano NAMASTÈ

    RispondiElimina
  7. Il rombo cupo della mia 850s dopo le tue cure, la tua stretta d mano, amore, passione, e ferri irripetibili. Ciao Bundi.

    RispondiElimina
  8. Grande Bundi che ha cavalcato le Aquile sulla terra, ora volerà nel cielo come un'Aquila! R. I. P.
    Condoglianze alla famiglia.

    RispondiElimina
  9. Un vero pilota come Bundi non muore mai, continua a correre per sempre , buon viaggio

    RispondiElimina
  10. Vola alto in cielo con la sua Aquila. Ciao Abbondio

    RispondiElimina
  11. Io mi sono avvicinato ora alla guzzi.vespista da sempre ma sempre attratto dalla Guzzi ora ho una v1000 convert e ne sono estasiato rip bundi

    RispondiElimina
  12. Grazie Bundi..... arrivederci.

    RispondiElimina
  13. Non lo conosco è non lo ho mai visto correre.... ma uno che girava con quelle moto negli anni 70 era uno con un gran pelo sullo stomaco ciao Bundi

    RispondiElimina