lunedì 30 marzo 2020

“Vi prego, non dimentichiamoci di chi soffre in ospedale. Io, nel mio piccolo, ci sono”

Graziella Belcaro, mandellese in servizio all’ospedale "Manzoni": “Anche un semplice foglietto con scritto “noi ti pensiamo” farebbe piacere a un vostro caro”
Graziella Belcaro
(C.Bott.) Lavora all’ospedale “Manzoni” di Lecco ed è una OSS, sigla che identifica gli operatori socio-sanitari di supporto al personale infermieristico. In queste settimane e in questi giorni di emergenza, al reparto Nefrologia dove presta servizio ha visto e continua a vedere tanta sofferenza, tanto dolore. E tanta angoscia da parte dei pazienti. Di fronte a quella sofferenza, a quel dolore e a quell’angoscia ci si sente il più delle volte impotenti.
E’ questo anche il caso di Graziella Belcaro, mandellese, una grande passione per le corse e in particolare per le maratone.
Giornate di lavoro intenso, come è facile intuire. Ma Graziella non ha esitato a postare sulla sua pagina Facebook la sua significativa testimonianza, rivolgendosi direttamente proprio a chi ha un familiare degente in ospedale. “Mi offro volontaria - scrive - per portare indumenti ai vostri cari e anche per fare videochiamate con i vostri familiari, il più delle volte pazienti anziani che non sanno usare il cellulare. Tutto ciò sempre nel rispetto dei miei colleghi che lavorano nei reparti dove è ricoverato il vostro caro”.
“Anche un semplice foglietto con scritto “noi ti pensiamo” - dice Graziella - farebbe piacere a un vostro caro. Io ci sono, nel mio piccolo, perché mi rendo conto di essere una piccola goccia in un oceano, ma vi prego di esserci anche voi, per i vostri cari. Io ho perso un fratello 10 anni fa e pensavo di aver toccato con mano ogni sofferenza. Ma mi sbagliavo. La sofferenza la sto vivendo ora, ogni giorno, negli occhi dei miei pazienti. E’ davvero straziante, prenderei volentieri un po’ delle loro sofferenze se sapessi di poter alleviare il loro dolore”.
E un ultimo appello, accorato: “Quindi vi prego, stiamo uniti e non dimentichiamoci di loro”.

1 commento:


  1. Mi puo' mettere in contatto con il dottor Davide Corti per favore?

    RispondiElimina