martedì 26 novembre 2019

Ciclopedonale Abbadia Lariana-Lecco. Entro fine anno conclusi i lavori del primo stralcio

Nella giornata di ieri si è svolto un sopralluogo alla ciclopedonale Abbadia Lariana-Lecco. Vi hanno partecipato per l’Anas il responsabile dell’area compartimentale Lombardia, ingegner Marco Angelo Bosio, e il direttore dei lavori ingegner Giuseppe Zanframundo, per la Provincia di Lecco il consigliere delegato Mattia Micheli (con l’ingegner Fabio Valsecchi), per il Comune di Lecco gli assessori Corrado Valsecchi e Gaia Bolognini e per il Comune di Abbadia il sindaco, Roberto Azzoni.
Tutti hanno preso atto dello stato di avanzamento dei lavori di completamento del primo stralcio, con la posa delle fioriere e dell’illuminazione da Lecco verso Pradello, così che, come richiesto anche dalle istituzioni preposte alla sicurezza e all’ordine pubblico, risulti assicurata una costante illuminazione della ciclopedonale.
Anas ha comunicato che entro fine anno procederà alla rimozione dei vecchi new jersey, al riempimento delle fioriere e alla messa in funzione dell’impianto di irrigazione. Questi lavori saranno effettuati con un cantiere mobile, utilizzando principalmente la sede stradale e garantendo l’utilizzo della ciclabile.
All’inizio della primavera nelle fioriere verranno piantate essenze arboree, che consentiranno un’ulteriore separazione rispetto alla sede stradale, migliorando la vista panoramica verso il lago.
I rappresentanti degli enti locali hanno nuovamente chiesto all’Anas di provvedere al ripristino dell’accesso a lago nei pressi della piazzola con la panchina di sosta e alla manutenzione e messa in sicurezza della scala, oltre che di dare pronta attuazione all’illuminazione del sottopasso in località Pradello. Anas ha assicurato l’impegno a completare quanto prima anche queste opere.
Quanto al tratto da Pradello ad Abbadia, Anas ha comunicato che proseguono le indagini tecniche propedeutiche per fornire al progettista già individuato i dati necessari alla progettazione esecutiva.

Nessun commento:

Posta un commento