venerdì 22 novembre 2019

Dalla Val Camonica a Lezzeno. Il “Delphum” di Dervio ospita il Coro “Voci dalla Rocca”

(C.Bott.) Lo scorso mese di giugno avrebbe dovuto esibirsi a Dervio nei giorni dell’inondazione che aveva colpito il paese, ospite del Coro Delphum nell’ambito della manifestazione “Un canto tra amici”, poi annullata proprio in conseguenza dei danni e dei disagi che si erano accompagnati all’ondata di maltempo.
Ora il Coro “Voci dalla Rocca” di Breno, comune della Val Camonica di circa 4.800 abitanti, arriva nel Lecchese e sarà protagonista - sempre con il Coro Delphum del maestro Gianfranco Algarotti - del concerto che si terrà sabato 23 novembre in occasione dell’annuale festa di Santa Cecilia, patrona della musica.
L’appuntamento è presso il Santuario della Beata Vergine di Lezzeno, sopra Bellano, alle ore 18.
Alle 17 la formazione corale diretta da Piercarlo Gatti accompagnerà con alcuni suoi canti la messa prefestiva.
Il Coro “Voci dalla Rocca” - che ha registrato nel corso degli anni tre Cd - nasce nel 1978 e prende il nome dal castello che domina l’abitato di Breno. Partendo dal tradizionale repertorio di canti popolari e della montagna, il gruppo ha rivolto la propria attenzione alle nuove composizioni di ispirazione popolare (intenso e coinvolgente è stato in particolare l’“incontro” con quelle di Bepi De Marzi), allo studio del canto gregoriano, della liturgia bizantino-slava e della polifonia antica e moderna, per arrivare all’esecuzione a cappella di brani tratti dal mondo della musica pop, rock e soul.
Le “Voci dalla Rocca” propongono inoltre composizioni del loro direttore, ispirate a fatti, situazioni, racconti, espressioni di fede e leggende della Val Camonica.
Nella costante ricerca di nuove modalità espressive, il coro ha attuato progetti teatrali, culturali e musicali con importanti nomi del teatro, della cultura e della musica italiani. Tra gli altri Pamela Villoresi, Franco Branciaroli, Gabriele Vacis, David Riondino, Bepi De Marzi, Carla Bino, Crucifixus Festival di Primavera, lo STArS dell’Università Cattolica di Brescia, Antonio Zanoletti, Silvio Castiglioni, i Timoria, Paolo Bessegato, Omar Pedrini, Luciano Bertoli e Franco Solina.

Nessun commento:

Posta un commento