lunedì 3 febbraio 2020

“Questo non è amore”. A Mandello servizio di ascolto al femminile

L’assessore: “E’ importante che sul territorio vi sia un luogo dove le donne possano trovare un aiuto per poter uscire da condizioni di vita non più sopportabili”
(C.Bott.) Con delibera di giunta dello scorso 29 gennaio, è stato rinnovato a Mandello il progetto “Questo non è amore” dello sportello di ascolto rivolto alle donne vittime di violenza, maltrattamenti e abusi.
L’associazione “Telefono donna” di Lecco e in prima persona il suo presidente Lella Vitali hanno già confermato la disponibilità a tenere aperto lo sportello, inviando una loro operatrice presso il municipio di Mandello il primo e terzo martedì di ogni mese, dalle ore 10 alle 12.
“E’ importante ­- tiene a sottolineare Serenella Alippi, assessore alle Pari opportunità - che sul territorio vi sia un luogo dove le donne e le ragazze possano trovare sostegno per poter uscire da condizioni di vita non più sopportabili a causa di vessazioni fisiche e psicologiche a cui i loro compagni le sottopongono”.
“Lo staff di “Telefono donna” - aggiunge - dispone di avvocati  e di psicologhe in grado di aiutare chiunque sia vittima di violenza, anche per quanto riguarda l’iter giudiziario che sono chiamate ad affrontare tutte quelle donne che intendono sporgere denuncia”.
Telefonando al numero 388-87.15.441 si potrà, nel massimo della riservatezza, avere il primo contatto nei giorni e negli orari di apertura dello sportello.
In orari e giorni diversi è invece possibile contattare la sede dell’associazione al numero 0341-36.34.84.

Nessun commento:

Posta un commento