giovedì 12 marzo 2020

Il sindaco di Mandello: “Ancora troppi assembramenti”. E da oggi scattano le sanzioni


“Le attività che hanno chiuso l’hanno fatto certamente per senso civico, ma anche se non soprattutto perché si sono accorte di quanto alcuni clienti non siano in grado di rispettare due semplici regole: la distanza di un metro uno dall’altro e il divieto di assembramenti”.
Il sindaco di Mandello, Riccardo Fasoli, richiama la cittadinanza a un più rigoroso rispetto delle norme previste dai decreti governativi e dalle disposizioni regionali in relazione all’emergenza Coronavirus.
“Abbiamo già fatto alcuni richiami - spiega - a gruppetti di ragazzi, anziani e adulti che si ancora formano davanti ai bar, per le strade e nei pressi degli esercizi alimentari”.
Quindi un invito: “Fate pure una passeggiata ma fatela da soli, oppure con il vostro stretto nucleo familiare, con il quale convivete sempre. La regola non vale soltanto all’interno ma anche e soprattutto all’esterno”.
Infine un’annotazione importante: “Dal mattino di giovedì 12 marzo scattano le sanzioni”.
Al riguardo è opportuno ricordare che per chi non rispetta gli obblighi contenuti nei provvedimenti in vigore sono previste le sanzioni ex articolo 650 del Codice penale, quindi fino a 3 mesi di arresto e fino a 206 euro di ammenda. E’ questo il caso, ad esempio, anche di chi si ritrova in assembramenti.

Nessun commento:

Posta un commento