16 marzo 2020

Un video dal Camerun. I bambini in coro: “Forza Italia, siamo tutti con voi”

Loro parroco è don Jean-Jacques Minkandé, primo sacerdote della parrocchia di Bimengué dove ha operato per lunghi anni don Gianni Allievi, vicario a Mandello dal ‘63 al ‘65
I bambini africani che hanno realizzato il video a sostegno dell'Italia.
(C.Bott.) Un incoraggiamento che arriva all’Italia e agli italiani dall’Africa. Un invito a restare uniti, ad andare avanti e a lottare. E a non avere paura.
Un messaggio di speranza e di solidarietà da una terra cara alla diocesi lariana, in particolare alla comunità comasca di Bregnano e a quella mandellese. Arriva infatti dal Camerun e ha un legame forte con Bimengué, fino ai primi anni Novanta missione appunto della diocesi di Como. Lì ha svolto il suo ministero ininterrottamente dal 1969 al 2013 don Gianni Allievi, originario di Bregnano e vicario a Mandello “Sacro Cuore” dal 1963, l’anno della sua ordinazione sacerdotale, al ’65.
Da Ebolowa, capitale della regione del Sud e del dipartimento di Mvila, sempre in Camerun, arriva infatti un video registrato da un gruppo di bambini e dalle loro insegnanti che in coro - e in lingua italiana - intonano, ripetendola più volte, la frase “Forza Italia, siamo tutti con voi”. E di seguito: “Tutti insieme ce la faremo. L’Italia è una nazione fortissima, che ha superato tantissimi ostacoli nella sua storia”. Viva l’Italia, forza Italia”. Poi ancora, a gran voce: “Tutti insieme ce la faremo”.
Don Gianni Allievi
Si è detto del legame con Bimengué. Loro parroco è infatti don Jean-Jacques Minkandé, primo sacerdote proprio della parrocchia di Bimengué fondata alla fine degli anni Sessanta e figlio spirituale di don Gianni Allievi, scomparso nel 2015, soprannominato in Camerun “Fata Jean” o “Emvolo bibem” (antenato).
Don Jean-Jacques, tra l’altro, lo scorso anno aveva soggiornato in Italia per motivi di studio ed era ripartito per l’Africa in settembre. E’ autore del libro Zongo e i suoi “strani” amici bianchi che racconta l’Africa e l’Europa viste con gli occhi di un bambino e si sta interessando alla ristrutturazione della scuola di Bimengué che, voluta e realizzata da don Gianni, dopo 50 anni deve essere praticamente ricostruita. Il progetto prevede tre nuove aule e il ripristino delle dieci già esistenti, per un costo complessivo superiore ai 20.000 euro. 10.000 euro saranno messi a disposizione dai genitori dei bambini e una parte della spesa restante verrà coperta dalla diocesi di Como.
Di Bimengué e della sua missione don Gianni Allievi aveva parlato nel 2014 a Bregnano quando il sacerdote era stato festeggiato da amici e conoscenti per i suoi 50 anni di ministero sacerdotale. “Un anno fa - aveva detto quel giorno - tornavo in Italia dall’Africa e adesso la nostalgia è tanta, non lo nascondo. Occorre però mettere il nostro futuro nelle mani del Signore e io ho la consapevolezza di avere concretizzato finché ho potuto la mia opera di evangelizzazione. A Bimengué sono sorti la scuola, l’ospedale, ho costruito la chiesa e varie altre cappelle, che ora sono il segno, anzi il simbolo vero e proprio delle comunità locali”.
Occorre anche ricordare che a Bimengué hanno lavorato nel corso degli anni, in periodi più o meno lunghi ma sempre accanto a don Gianni, le mandellesi Fausta Arrigoni (in Camerun per quasi 20 anni), Anita Polti Tettamanti (ora residente a Breccia), Antonia Colombo, Marisa Pedroncelli e Franca Gatti.
Anita Polti e Fausta Arrigoni negli anni scorsi avevano pubblicato il libro Bimengué - Storia da raccontare… con la missione nel cuore con il desiderio di far sì che le testimonianze e i ricordi racchiusi in quella stessa pubblicazione potessero essere di stimolo a continuare il cammino a suo tempo intrapreso da loro stesse e da altri sacerdoti e volontari. E ora l’Africa grida all’Italia: “Forza, siamo con voi”.

Nessun commento:

Posta un commento